L'opposizione contro il duplice nemico: l'Europa dei burocrati e gli immigrati, che ci invadono. I bersagli comuni ai populismi europei. [...] La manifestazione di Roma, però, ha accentuato il tratto politico, oltre che antipolitico, della Lega di Salvini.[...] Intorno al figura del Capo, in grado di comunicare con linguaggi diversi a pubblici diversi. Ai Duri e Puri e agli uomini spaventati. Ma anche al "pubblico" medio e mediatizzato. Perché Salvini è Pop. Invitato e inseguito da tutti i media
Ilvo Diamanti, La Repubblica ...

Il turpiloquio come politica

Pare un imitatore di Grillo: per il turpiloquio, ancora più fastidioso, e i continui vaffa; per il collaudato schema "noi" contro "loro", basso contro alto, piccoli contro grandi, artigiani contro banchieri; per la commistione destra-sinistra, CasaPound-don Milani. [...] Il turpiloquio è ancora più fastidioso proprio perché Salvini non è Grillo, cioè un comico. Il suo tono, anche quando vorrebbe essere ironico, è greve, bieco, vagamente minaccioso. 
Aldo Cazzullo, Corriere della Sera ...
Rodney SmithNel video che sostiene l'iniziativa #MaiconSalvini-Roma non ti vuole Elio Germano appare circondato da bambini di varie etnie. Ha un foglio in mano, legge: "Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura (...) Si presentano in due e poco dopo diventano quattro, parlano lingue incomprensibili, chiedono l'elemosina. I governanti hanno aperto troppo le frontiere ( )". "No, queste non sono le parole di Salvini" spiega con amara ironia l'attore, il Leopardi rivoluzionario del film di Manone "ma le parole usate dall'Ispettorato per l'Immigrazione del Congresso degli Stati Uniti per descrivere gli italiani.
Silvia Fumarola, la Repubblica ...

facebook