La strettissima maggioranza dove ha prevalso la componente repubblicana, hanno deciso che l'obbligo di assicurazione sanitaria non deve includere l'interruzione di gravidanza e i sistemi contraccettivi - compresa la "pillola del giorno dopo" - se il datore di lavoro è contrario per i suoi principi religiosi. ...
"Il consiglio che do alle ragazze, e alle mie pazienti, è quello di tenere sempre pronta a casa una confezione di pillola del giorno dopo". Lo afferma Annibale Volpe, ordinario di ostetricia e ginecologia, già presidente della Società italiana di contraccezione. ...
Eleonora Cirant e Pietro Puzzi, Consultori Privati Laici
29 luglio 2013

Le pillole contraccettive di terza e quarta generazione sono sotto indagine dell'Agenzia Europea del Farmaco (EMA) per rischio di trombosi venosa e arteriosa.
Eppure, in Italia, un silenzio di pece è calato sull'argomento da quando, a febbraio, l'EMA ha avviato l'indagine in seguito al caso di Marion Larat.
Contraccettivi gratuiti per le ragazze francesi tra i 15 e i 18 anni. A partire dal primo aprile, saranno distribuite le pillole anticoncezionali di prima e seconda generazione ...
Nessuno lo dice ma a mezza bocca tutti parlano di "razzismo" nei confronti degli ebrei neri. "Si tratta di ridurre la natalità in un gruppo che è nero e per lo più povero", ha commentato Hedva Eyal, che ha condotto le indagini per conto di "Womam to Woman". ...

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)