Oroval

lavoro

Oggi è una giornata particolare. Per donne, uomini, giovani, anziani, per pensionati, disoccupati, lavoratori, precari, studenti. Una giornata particolare dei diritti, della dignità, del lavoro operaio, perduto, da difendere. Per gridare al governo che la speranza nel futuro parte da questa piazza, da chi oggi è qui per dire no a una politica che ci riporta indietro di qualche secolo, quando l'articolo 18 era nei sogni degli utopisti, quando il padrone aveva il potere assoluto sulla vita dei lavoratori.
AA.VV, Il Manifesto...

La risposta alle divisioni di Renzi

DisfacimentoPer dividere il governo mette insieme gli 80 euro risarcitori, ma non per tutti e soprattutto non per i più deboli e i più colpiti nella crisi, gli incipienti, i pensionati al minimo, le partite IVA, spesso più subordinate dei lavoratori subordinati; adotta il decreto Poletti sui contratti a termine, la vera riforma del mercato del lavoro, che pur di far alzare le statistiche sull'occupazione, aumenta la precarietà reale, lasciando su uno sfondo vago e lontano nel tempo, affidato alla legge delega, il contratto a tutele progressive.
Giorgio Airaudo, Il Manifesto ...

Contro le discriminazioni, difendiamo l'articolo 18

articolo 18 per difesa discriminazioni gay e trans
Ci sono molte ragioni per cui, come gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e queer, prendiamo posizione contro la "riforma" del lavoro. In primo luogo, ci preoccupa la manomissione delle garanzie contro i licenziamenti illegittimi sancite dall'articolo 18: la legge-delega lascia al Governo un margine di discrezionalità incomprensibilmente ampio, nulla dice sulla salvaguardia del reintegro nel posto di lavoro nel caso di licenziamento discriminatorio.
Circolo Maurice glbtq Torino, Il Manifesto ...

ll silenzio sui disoccupati adulti

Magritte, Golconda
A ogni riforma del mercato del lavoro si ripete lo stesso copione: il governo attacca lo Statuto dei lavoratori accusandolo di assoggettare il mercato del lavoro a princìpi superati (i famosi tabù), che ne frenano la crescita, e di produrre disparità tra i lavoratori. Dal superamento di questi principi fa discendere una prospettiva di modernità e uguaglianza, efficienza e prosperità, con una dose aggiuntiva (ma mai sufficiente) di flessibilità e una spuntatura ai diritti rimasti.
Lilli Pruna, Left ...
Articolo 18Daniela Preziosi, Il Manifesto
2 ottobre 2014

"Ci vuole cuore, ci vuole umanità per fare le leggi, ci vuole la voglia di capire le difficoltà che affrontano quelli a cui stai toccando la vita. Quando ho iniziato a fare il sindacalista della Fiom, nell'87, a Melfi, avevo vent'anni" ...

facebook