×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

«Licenziala». La moglie di James Knight non era andata tanto per il sottile. «Mandala via», aveva insistito. Sembra di vederlo, James, mentre convoca Melissa Nelson e le dice: «Sei irresistibile, devo licenziarti sennò il mio matrimonio potrebbe andare a rotoli». Era il 2010. Adesso la Corte Suprema dell'Iowa ha deciso: quel licenziamento era legale. E che cerchi di capirlo anche Melissa, una volta per tutte... Come le viene in mente di sollevare questioni sulla discriminazione di genere? «Questa decisione è una vittoria per i valori della famiglia poiché la signora Nelson è stata licenziata per salvare un matrimonio, non perché è una donna», giura al Daily Mail uno degli avvocati di James, Stuart Cochrane. «La decisione della Corte chiarisce che in casi come questo si può favorire la famiglia senza commettere discriminazioni».

Inutili le obiezioni dell'ormai ex assistente dentista di mister Knight. Per esempio: non è servito a nulla provare che fra i due (entrambi sposati e con figli) non ci fosse mai stato nessun legame sentimentale. Alla Corte è bastato il solo rischio che questo potesse succedere. E per di più non quando lei era appena arrivata. No. Il licenziamento è scattato al decimo anno.

Melissa, 32 anni, prima di essere assunta come assistente nello studio dentistico dei James, a Fort Dodge, lavorava come cameriera sei notti alla settimana. Poi la svolta. Finalmente un impiego migliore, una casa da comprare, una famiglia e uno stipendio su cui contare per crescere i suoi due figli. Dieci anni nello studio Knight (che di anni ne ha 53) e mai una tentazione, una parola di troppo, una insinuazione. Niente. Soltanto una buona amicizia e un po' di messaggi via email: la sua rovina.

«Io vedevo in quell'uomo una figura paterna», ha spiegato lei ai giudici per giustificare le poche confidenze fatte, appunto, l'un l'altra via email. «La consideravo una delle mie impiegate migliori», ha fatto presente lui agli stessi giudici. Ma il fatto è che in quello scambio di corrispondenza elettronica c'erano, per così dire, i «germogli» di una possibile relazione. E la prima a cogliere quella possibilità è stata la moglie di James che lavora nello studio assieme a lui e che ha casualmente (casualmente?) scoperto i messaggi fra i due. Cosucce difficili da fraintendere, pare: piccole confessioni sulla vita familiare, su scelte personali, su questioni di lavoro. Insomma, niente che si potesse scambiare per un messaggio d'amore o di complicità fra due amanti o aspiranti tali.

Soltanto mesi dopo averla licenziata, James (uomo molto cattolico, dicono di lui i giornali americani che hanno seguito la vicenda) avrebbe confessato al marito di Melissa che in effetti era preoccupato di quanto stesse diventando personale il suo rapporto con quella ragazza, così incredibilmente attraente. Sembra che uno dei punti più convincenti della lite giuridica abbia riguardato l'abbigliamento di lei. «Negli ultimi mesi vestiva con abitini stretti che era impossibile non notare», ha detto il dentista per sostenere la validità del licenziamento. Un dettaglio che lui e la moglie non hanno certo taciuto alla loro guida spirituale, un pastore con il quale si sono consultati prima di scrivere la lettera delle dimissioni che dava a Melissa un mese di tempo per impacchettare le sue cose e sparire.

«Io sono una ragazza come tante, una madre come tante», dice Melissa sconcertata dalla decisione della Corte, la prima del genere in Iowa. Il suo avvocato, Paige Fiedler, parla invece del cattivo «messaggio» che si evince da questa storia: «È come se i giudici (in questo caso tutti uomini, ndr ) dicessero alle donne dell'Iowa: non pensiamo che gli uomini possano essere responsabili dei loro desideri sessuali, sono le donne dell'Iowa a dover controllare gli impulsi sessuali dei loro capi. E se i capi si lasciano sfuggire di mano la situazione le donne possono essere licenziate legalmente».

Quando il medico donna è discriminato

  • Venerdì, 30 Novembre 2012 11:44 ,
  • Pubblicato in Flash news
Dire Donna
30 11 2012

Discriminazioni e vessazioni sul luogo di lavoro riguardano anche le donne medico, che talvolta sono addirittura oggetto di violenze preoccupanti in ospedali o studi privati. Lo scenario presentato in occasione del Workshop europeo della festa del medico di famiglia non lascia spazio a dubbi, soprattutto alla luce dei dati dell’inchiesta svolta dall’Ordine dei medici di Roma sul 10% delle 15.017 iscritte.

Tale indagine ha mostrato che il mobbing su luogo di lavoro, insieme a vessazioni e discriminazioni, per le dottoresse in camice bianco sono percentualmente il doppio rispetto alle altre donne. A incrementare tale disagio, c’è anche il fatto che sono più colpite soprattutto i medici donna che alle spalle non hanno una famiglia o un contesto sociale che funga da paravento e le protegga davanti a questi soprusi.

=> LEGGI: discriminazioni sul lavoro per una donna su 4

Tale situazione, poi, è ancora peggiore se si vanno a guardare i più alti livelli dirigenziali nel settore della Sanità dove, come minimo, vige una sorta di barriera all’accesso alle posizioni di vertice. E i dati sono eloquenti: su 106 presidenti degli Ordini delle provincie, solo 2 appartengono al gentil sesso, segno che il maschilismo regna anche – o soprattutto – nella professione di Ippocrate.

Ma non è tutto: nelle strutture ospedaliere più grandi e complesse, paragonabili a delle grandi aziende, solo l’1,7% dei top manager medici sono donne, contro il 25% nei nosocomi più piccoli; e a livello sindacale, sui 110 segretari provinciali della Federazione dei medici di famiglia c’è una sola donna.
A frenare l’ascesa delle donne del settore sanitario è anche una vita molto sregolata, che con i turni rende difficile poter conciliare lavoro e famiglia. È probabilmente per questo motivo che il 30% dei medici donna di alto livello sono single o separate o vedove. Addirittura il 30% non ha figli (contro il 13% degli uomini) mentre 1 su 5 si è fermata al primo. Ma forse l’elemento più discriminatorio è quello che riguarda il fronte del guadagno, dove i “camici rosa” percepiscono mediamente il 30% in meno dei colleghi uomini.

=> SCOPRI il gap salariale che penalizza le donne medico

Meno guadagno uguale meno lavoro? Può darsi, visto che su oltre 10mila italiani intervistati – metà di maschi e metà femmine – solo 1 donna su 10 sceglie di farsi curare da un professionista dello stesso sesso scelta per le competenze, mentre negli uomini il numero è uguale a zero.
"La discriminazione verso le donne sta ovunque e spesso comincia ancora prima dell`ingresso nel mondo del lavoro. Quote e assunzioni regolate sul genere sono diffusissime, e spesso si manifestano con punteggi più alti richiesti alle donne per accedere a certe posizioni", si legge nel rapporto.
Leggi
di Silvia D'Onghia, Donne di Fatto
29 giugno 2012

"Lei sta parlando con una che nel 1976 ha organizzato la manifestazione ‘Riprendiamoci la notte’. Figuriamoci se mi spavento". Bianca Maria Pomeranzi non è una che le manda a dire. Sa di aver vinto una sfida non facile – essere eletta al Comitato per l’eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne delle Nazioni Unite, 26 candidate per 11 posti –, ma sa anche che quella che l’attende è una battaglia lunga e complicata.

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)