Tecnologia1Raffaella Silipo, La Stampa
6 marzo 2015

L'adolescenza è da sempre un territorio misterioso, sospeso tra energia e frustrazione, enormi potenzialità e nessuna esperienza per gestirle. Grandi amori, amicizie tormentate, profonde solitudini: solo ai più fortunati tra gli umani riesce subito tutto bene, la gran parte di noi tra la prima media e l'esame di maturità ha sperimentato una serie di fallimenti, errori, figuracce - oltre a emozioni e allegrie travolgenti - di cui poi ha fatto tesoro finita la scuola, scoprendo che nella vita non necessariamente è buona la prima.

compiti_Maurice DenisI nostri ragazzi dopo la scuola si applicano il doppio dei coetanei stranieri. E gli insegnanti chiedono il coinvolgimento di mamma e papà. I genitori lo confessano apertamente: "I compiti sono la nostra angoscia del weekend". E poi: "Per studiare geografia abbiamo fatto mezzanotte". Oppure: "Ho cambiato i turni di lavoro per aiutarlo in matematica". Noi. Al plurale. Come se fosse un affare di famiglia. Ma è giusto? O forse i compiti i figli dovrebbero farseli da soli?
Maria Novella De Luca, La Repubblica...
Per sei mesi mollerà riunioni e vertici, lo ha già comunicato alla sua giunta, niente più full immersion nella sua stanza al Palazzo Comunale, "priorità alla famiglia, sta per nascere mio figlio" ha annunciato Marco Buselli, 40 anni, sindaco di Volterra, paese toscano in provincia di Pisa. La sua pagina Facebook si è riempita di "mi piace" e "congratulazioni" e "tanti auguri".
Laura Montanari, La Repubblica ...
Un convegno sulla "difesa della famiglia" dai toni decisamente omofobi, il patrocinio della Regione Lombardia e - soprattutto - una locandina di invito con il simbolo di Expo. Sono questi gli ingredienti che hanno innescato la polemica che da giorni sta scuotendo la politica milanese e lombarda.
Giampiero Rossi/Andrea Senesi, Il Corriere della Sera ...

Intervista a Chiara Saraceno: "Una, nessuna, centomila"

  • Lunedì, 22 Dicembre 2014 16:20 ,
  • Pubblicato in L'Intervista
Donatella Coccoli, Left
20 dicembre 2014

Non è mai stato giusto, perché non c'è niente di meno naturale della famiglia. Il che non vuol dire che è innaturale, certo. Ma la famiglia è una costruzione sociale, legale e normativa. Sono le norme che definiscono quali rapporti di sesso o di generazione sono familiari oppure no. ...

facebook