×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Se ti ribelli ti stupro

  • Venerdì, 01 Novembre 2013 11:55 ,
  • Pubblicato in Flash news

Giornalettismo
01 11 2013

L’organizzazione internazionale umanitaria Human Rights Watch (Hrw) ha accusato le forze di sicurezza dello Sri Lanka di praticare decine di abusi sessuali e torture contro uomini e donne appartenenti alla minoranza tamil.

È quanto emerge da un rapporto presentato a New Delhi dove sono documentati 75 casi di stupro avvenuti tra il 2006 e il 2012 in carcere o in centri di detenzione segreti.

Nello studio, frutto di un anno di interviste condotte tra ex prigionieri scappati all’estero, emergono gli orrori inflitti dall’esercito e dalle forze speciali cingalesi contro sospetti ribelli o ex militanti del movimento separatista delle Tigri Tamil sconfitto nel 2009.

«La pratica degli abusi sessuali continua ancora oggi e interessa uomini e donne indistintamente ma è difficile da far emergere perché le vittime sono restie a parlarne», ha spiegato Charu Lata Hogg, autrice del rapporto ‘We Will Teach You a Lesson’ (‘Ti daremo una lezione’), in una conferenza stampa che si è tenuta ieri nel Club della stampa estera della capitale indiana.

Nell’occasione è stata presentata la testimonianza, in diretta telefonica, di un’ex militante tamil sequestrata il 12 agosto e violentata ripetutamente per un mese in una ex scuola occupata da militari a Vavuniya e di un uomo a cui è stata estorta una confessione dopo cinque giorni di abusi e umilianti torture sessuali.

Entrambi sono stati rilasciati dopo il pagamento di somme di denaro e sono riusciti a scappare all’estero dove sperano di ottenere asilo politico. Hrw ha poi rivolto un appello ai leader che il 15 novembre si riuniranno a Colombo per il summit biennale dei Paesi del Commonwealth perché adottino una “linea dura” contro il governo cingalese.

In particolare, l’organizzazione umanitaria ha chiesto al premier indiano Manmohan Singh di boicottare il vertice come chiede anche la comunità tamil indiana. Una decisione in tal senso è stata presa finora dal primo ministro canadese Stephen Harper che ha annunciato di non partecipare per «le gravi violazioni di diritti umani e degli standard internazionali umanitari».

Afghanistan:criminali candidati alle elezioni presidenziali

  • Mercoledì, 16 Ottobre 2013 07:49 ,
  • Pubblicato in Flash news

Osservatorio Afghanistan
16 10 2013

( Kabul ) – I candidati alle elezioni presidenziali del 2014 in Afghanistan sono ex militari e comandanti delle milizie implicati in gravi violazioni dei diritti, crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Il fallimento del governo afgano nel perseguire questi criminali pone in primo piano l’importanza dell’accountability nel futuro dell’Afghanistan.
Human Rights Watch ha chiesto al governo afghano l’abrogazione della recente amnistia e delle leggi elettorali che impediscono alla Commissione per i reclami elettorali di bandire i candidati alla presidenza e alla vice presidenza che sono responsabili di atrocità del passato.

La Costituzione dell’Afghanistan impedisce che “individui condannati per crimini contro l’umanità, atti criminali o che siano stati privati dei diritti civili da parte del tribunale” di correre per la carica elettiva. Ma il fallimento del governo afghano negli ultimi dieci anni nel perseguire penalmente i responsabili di gravi crimini, ha reso la disposizione inefficace. Dal momento che non ci sono state indagini sistematiche o azioni penali per le atrocità del passato, nessun comandante di milizie è stato condannato per uno dei massicci abusi che hanno avuto luogo in Afghanistan durante gli ultimi 35 anni di guerra.

Human Rights Watch, 9 October 2013

Afghanistan: Rights Abusers Join Presidential Race Looming Elections Spotlight Urgency of Justice
(Kabul) – Candidates for the 2014 presidential elections in Afghanistan include former military and militia commanders implicated in serious rights abuses, war crimes, and crimes against humanity. The Afghan government’s failure to prosecute or disqualify those responsible for grave crimes underscores the importance of accountability in Afghanistan’s future.
Human Rights Watch called on the Afghan government to seek the repeal of recent amnesty and election laws that prevent the Electoral Complaints Commission from disqualifying presidential and vice presidential candidates responsible for past atrocities.
“Had the Afghan government in the last decade properly addressed crimes of the past, several current candidates would now be disqualified from seeking office – or would even be serving time,” said Brad Adams, Asia director at Human Rights Watch.
“Foreign donors should press the Afghan government to ensure future elections are not being contested by serious rights abusers.” Afghanistan’s constitution bars any individuals “convicted of crimes against humanity, a criminal act or deprivation of civil rights by court” from running for elected office. But the Afghan government’s failure in the last decade to pursue criminal accountability for those responsible for grave crimes has rendered the provision ineffective. Since there have been no systematic investigations or prosecutions for past atrocities, no major commanders have been convicted for any of the massive abuses that have taken place in Afghanistan during the past 35 years of war.
Numerous Afghan warlords, senior politicians, and members of the security forces have committed serious human rights abuses during the various armed conflicts that have devastated Afghanistan over the last three decades. Human Rights Watch has documented abuses in reports throughout the period, including 1984, 1985 and 1988 reports on abuses in the Soviet occupation era, a 1991 report on abuses committed after the Soviet withdrawal, a major report issued in 2005 about grave abuses committed in Kabul from 1992-1995, several documents and reports on Taliban era abuses, including a 1998 and 2000 report, two more before the September 11 attacks, and two more in 2001 after the attacks. Yet in the almost 13 years since the end of Taliban rule, the Afghan government has systematically blocked inquiries and efforts aimed at accountability for past abuses.
In 2004, the governmental Afghan Independent Human Rights Commission (AIHRC) completed a survey based on in-depth interviews and focus groups with thousands of Afghans across the country, focusing on citizens’ views on past crimes and what to do about addressing them. The findings made it clear that the vast majority of Afghans wanted the crimes of the past to be confronted: 94 percent said they considered justice for past crimes to be either “very important” (75.9 percent) or “important” (18.5 percent). When asked what the effects would be for Afghanistan in bringing war criminals to justice, 76 percent said it would “increase stability and bring security,” and only 7.6 percent said it would “decrease stability and threaten security.”
Under public pressure, the Afghan government in 2005 adopted the Peace, Reconciliation and Justice Action Plan, which rejected amnesty for rights violators and outlined steps toward accountability to be achieved over the following years. But since then, the Afghan government has failed to implement the plan, and instead taken steps to undermine it.
In 2007, parliament ratified an amnesty law sponsored by a coalition of powerful warlords and their supporters to prevent the prosecution of individuals implicated in human rights abuses in the preceding decades. The law stated that all those who took part in armed conflict before the formation of the Interim Administration in Afghanistan in December 2001 shall “enjoy all their legal rights and shall not be prosecuted.”
The law’s validity and constitutionality remained contested, but it went into effect with publication in the official gazette in 2010, despite President Hamid Karzai’s repeated assurances that he would not approve it. In 2013, the parliament amended a previous electoral law that had barred candidates “who command or are members of military organizations or armed groups (unofficial military forces)” and had provided for a vetting mechanism to assess which candidates could be disqualified. In the 2013 electoral law, the prohibition and the vetting mechanism were removed.
President Karzai also acted personally to block release by the AIHRC of one of the commission’s key projects – an 800-page report that maps war crimes and crimes against humanity committed in Afghanistan since the communist era. The AIHRC completed the report in December 2011, but the government has indefinitely suspended its public release, subverting the document’s value as a foundation for efforts to prosecute those implicated in past abuses.
“For 13 years the Afghan government and its international allies have nurtured commanders implicated in serious crimes, while the leadership blocked efforts to bring justice to the countless victims,” Adams said. “Without a reversal of this approach, the most infamous legacy of the Karzai era will be awarding power to those with blood-stained hands.”
Human Rights Watch called on the Afghan government to repeal the 2010 amnesty law, reverse the 2013 electoral law change, and empower Afghanistan’s Electoral Complaints Commission to allow complaints to be registered against candidates against whom serious allegations of rights abuses have been made, and disqualify candidates who have commanded militias or military units responsible for abuses.
“Afghan warlords and other human rights abusers who have killed, tortured and robbed civilians have no place in government,” Adams said. “A secure and just future for Afghanistan cannot be built by the same people who savaged it in the past.”

Come salvare i bambini dalle miniere

  • Mercoledì, 28 Agosto 2013 08:25 ,
  • Pubblicato in Flash news

Giornalettismo
28 08 2013

Anche in un paese più tra i più stabili e sviluppati dell’Africa come la Tanzania, i bambini finiscono in miniera spinti dal bisogno o attirati da improbabili miraggi di ricchezza.

COME IN CONGO - Il fenomeno è simile a quello che si è sviluppato nel vicino Congo, nonostante la presenza di leggi severe che vietano il lavoro minorile, di un governo più stabile e di istituzioni decisamente più sviluppate, anche in Tanzania molti minorenni finiscono al lavoro nelle piccole miniere improvvisate, miraggio di una ricchezza che non arriva mai e fonte di guadagno per commercianti senza scrupoli.

LA DENUNCIA DI HRW - In un rapporto pubblicato oggi Human Rights Watch denuncia la presenza nelle miniere d’oro di bambini dagli otto anni in su, che rischiano la salute e la vita, facendo appello al governo della Tanzania perché metta termine al lavoro minorile nelle piccole miniere, ma anche alla Banca Mondiale e ai paesi donatori affinché sostengano questi sforzi.

MOLTE MINACCE PER LA SALUTE - Il rapporto di 96 pagine, intitolato: “Toxic Toil: Child Labor and Mercury Exposure in Tanzania’s Small-Scale Gold Mines” denuncia proprio le condizioni di lavoro in questo tipo di miniere, nelle quali i pericoli non derivano solo dagli sforzi fisici e dai crolli o dagli incidenti con gli attrezzi, ma anche dall'avvelenamento da sostanze tossiche, in particolare il mercurio, usato per la lavorazione del minerale grezzo.

Mazzetta

Huffington Post
17 07 2013

Il corpo senza vita di Eric Ohena Lembembe è stato ritrovato, il 15 luglio sera, nella sua casa di Yaoundé, dopo che se ne erano perse le tracce per due giorni. Lo ha denunciato, in giornata, l'Human Rights Watch.

L'organismo internazionale ha dichiarato che, secondo la testimonianza di un amico, Eric aveva collo e gambe spezzate, mentre faccia, mani e piedi presentavano bruciature da ferro da stiro.

La vittima era uno dei dirigenti della Camfaids, associazione impegnata nella lotta all'aids e nella difesa dei diritti del popolo lgbt in Camerun, uno dei paesi più anti-gay al mondo.

Come giornalista Lembembe era una delle firme più autorevoli e attive di Erasing 76 Crimes, importante blog camerunese, su cui aveva scritto il popolare articolo "What traditional African homosexuality learned from the West", confluito successivamente in un volume miscellaneo sui diritti lgbt.

HRW ha lanciato un appello perché si faccia luce su questo efferato delitto e sulle motivazioni a esso sottese.

Neela Goshal, esponente di spicco dell'organizzazione, ha invitato Paul Biya, presidente del Camerun dal 1982, a rompere il silenzio sui ripetuti atti di violenza omofoba nel Paese e a condannare pubblicamente la barbara uccisione di Eric Lembembe.


Il Corriere della Sera
29 05 2013

In Europa aumentano gli episodi di razzismo contro gli immigrati, si respira un clima sempre più xenofobo che alimenta il populismo. In Francia, in Ungheria, in Grecia ma anche nei Paesi scandinavi assistiamo al successo di partiti di estrema destra o comunque anti-minoranze. Ieri a Milano, presso la sede dell’Ispi, l’allarme l’ha lanciato Human Rights Watch nel corso di una tavola rotonda dal titolo Diritti umani: le sfide sul campo.

“E’ importante riconoscere i fattori diversi che alimentano questi trend – ha detto Judith Sunderland, ricercatrice senior per l’Europa Occidentale dell’organizzazione – sarebbe facile dare la colpa solo alla crisi economica, la verità è che ci sono timori legati alla perdita dell’identità nazionale. Questo vuol dire che se l’economia comincerà ad andare meglio il problema non sarà risolto”.

Ne è un esempio eclatante la Grecia dove i migranti e i richiedenti asilo vengono sempre più spesso attaccati da bande di greci vestite di nero e con il volto coperto. Gli episodi si registrano soprattutto nella capitale. Dagli inizi del 2000 la Grecia è diventata la principale porta d’ingresso nell’Unione Europea dei migranti irregolari provenienti da Asia e Africa. Oggi nel centro di Atene vivono in estrema povertà molti stranieri che occupano edifici abbandonati, piazze e parchi.

“L’immigrazione irregolare – dice Sunderland – viene presa come capro espiatorio per tutti i mali della città sia dalla gente comune che da alcuni partiti politici”.

Ma il problema non è solo il successo di formazioni politiche come la greca Alba Dorata ma anche il modo in cui gli Stati Europei affrontano il problema.

“La risposta di una nazione a questi crimini è metro del suo impegno per i diritti umani – spiega Sunderland – ma le autorità spesso tendono a minimizzare gli episodi e a considerarli marginali. In base a ricerche approfondite in Italia, Germania e Grecia abbiamo individuato i motivi che impediscono una lotta efficace contro la violenza xenofoba per esempio l’esistenza di leggi penali soggette ad interpretazioni troppo restrittive o la riluttanza dei pubblici ministeri ad usare la xenofobia come aggravante. Ma spesso è anche la polizia che non riconosce come tali i crimini a sfondo razziale e quindi non raccoglie le prove necessarie”.

Proprio in questi giorni in Grecia si discute di una legge anti-razzismo che è stata già presentata in Parlamento in prima lettura. Ma tra i partiti della coalizione di governo c’è disaccordo: secondo socialisti e Sinistra democratica, bisogna rendere reato l’incitamento a commettere violenze razziali e il non riconoscere i crimini di guerra nazisti. I conservatori, invece, sono più propensi a modificare leggi già esistenti piuttosto che introdurre un nuovo testo.

La violenza xenofoba in Grecia riguarda tutta l’Europa: “Le istituzioni europee e gli Stati membri – è il ragionamento di Sunderland – non possono chiudere un occhio di fronte a quello che sta succedendo ad Atene. A rischio c’è l’intera struttura europea sulla difesa dei diritti umani!“. Se cade Atene, cade pure Bruxelles.

facebook