×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Politiche al femminile per aiutare la crescita

Raramente i capi di Stato e di governo si siedono intorno ad un tavolo per discutere di donne con le donne. Lo ha fatto, invece, (non a caso) una donna, Angela Merkel organizzando, in occasione della presidenza tedesca del G7, un Forum con donne provenienti da tutto il mondo.
Veronica De Romanis, Corriere della Sera ...

Hillary e le altre

Hillary Clinton corre per la successione a Barack Obama. E tutti a salutare quella che potrebbe essere (ma forse no, finendo per consegnare il governo alla destra americana) la prima donna alla guida degli Usa. È quasi una panacea per la questione femminile, Hillary, e poco importa se ciò avvenga sulla scia del marito Bill e col sostegno delle lobby di Wall Street. Il valore è simbolico. Per le classi dominanti sono da celebrare le donne che acquisiscono, in perfetta continuità politica, ruoli storicamente appannaggio degli uomini.
Stefano Santachiara, Left ...

Alle donne Renzi aveva promesso il lavoro. Dov'è?

  • Venerdì, 10 Aprile 2015 13:20 ,
  • Pubblicato in Flash news
l'Espresso
10 04 2015

Giovani, donne, spesso altamente qualificate, in Italia, sono le credenziali per la disoccupazione.

Eppure, mi pare di ricordare che Renzi, ai suoi esordi (un anno luce fa) sentenziasse che l'occupazione, soprattutto quella femminile, gli stava tanto a cuore, con il suo governo sarebbe stata se non proprio debellata, molto ridimensionata. Invece no. ...

Mamme a caccia del lavoro su misura

Mamme e lavoroPer alcune è stata una scelta, per molte una necessità. Per tutte, una sfida. Quella di reinventarsi. Difficile tornare in azienda o nel proprio studio professionale dopo una, due o tre maternità. Spesso chi aveva un contratto a termine si ritrova senza lavoro. E anche quando non arriva il licenziamento (o il mancato rinnovo), sono gli orari a rendere spesso inconciliabile la vecchia professione con la vita da neo-mamme. 
Sara Grattoggi, la Repubblica ...
Asili fascismo
Un altro aspetto interessante riguarda la previsione di accordi decentrati rivolti a favorire la conciliazione, tramite forme di flessibilità dell'orario di lavoro e la loro incentivazione nel contesto dei premi di produttività (per i quali il Governo ha ridotto la copertura) e l'inclusione dei servizi per l'infanzia all'intero delle attività svolte dagli enti bilaterali. Dovrebbe essere questo il percorso virtuoso in grado di aiutare le donne che lavorano, non la mancia degli 80 euro/bebè.
Giuliano Cazzola, Cronache del Garantista ...

facebook