L'era dei papà sapiens

Papà-SapiensTra le cose che dicono sempre di noi papà sapiens c'è che siamo disponibili, pronti ad andare a prendere il figlio a scuola, distaccarci dal lavoro per passare del tempo con i nostri figli, fare i mestieri casalinghi.
Massimo Sideri, Il Corriere Della Sera ...

La Stampa
23 04 2015

Cosa ne sarà di lui? Che faremo quando non ci saremo più? Sono queste le struggenti domande che un genitore non può non porsi almeno una volta nella vita di fronte ad un figlio disabile. Uno stress e un’ansia continua che si traduce, per le madri, in un decadimento cognitivo e di memoria più veloce rispetto a quelle che non hanno queste preoccupazioni. Attenzione però a non dare nulla per scontato perchè una soluzione c’è: sentire la vicinanza di amici e parenti annulla lo stress e protegge dall’invecchiamento precoce. Ad affermarlo è uno studio, ad opera dei ricercatori della University of Wisconsin-Madison, pubblicato dalla rivista Journals of Gerontology.

L’aiuto delle persone care è fondamentale
Per arrivare al risultato gli scienziati hanno esaminato e messo a confronto oltre 100 coppie di genitori di persone con varie disabilità sin dalla nascita confrontandole con oltre 500 coppie con bambini sani. Attraverso interviste e batterie di test cognitivi i ricercatori hanno scoperto che i danni maggiori alla memoria erano presenti nelle mamme che nei questionari avevano “lamentato” le maggiori difficoltà nella gestione dei piccoli disabili. Danni che non erano presenti, o comunque in maniera nettamente inferiore, quando le madri potevano contare sul sostegno di parenti e amici.

Se non sostenute c’è maggiore probabilità di depressione
Dalle analisi è anche emerso che alcune disabilità predispongono maggiormente le madri ad altri problemi di natura fisica e mentale. Ciò è risultato particolarmente evidente per autismo, paralisi cerebrale, sindrome di Down e altre forme di disabilità intellettive. In particolare è emerso che le mamme di questi bambini, se non sostenute, hanno il doppio delle probabilità di sperimentare episodi di depressione e di scarsa qualità di salute fisica. Un motivo in più per spronare chi deve prendere decisioni di “salute pubblica” a sostenere in maniera concreta che si trova nella difficile situazione di accudire un figlio malato.

L’effetto non si registra sui padri
Lo studio presenta anche un dato curioso: gli effetti negativi non si ripercuotono sui padri. Secondo gli autori della ricerca ciò è dovuto al fatto che i papà tendono a passare in casa meno tempo mentre le madri spesso devono abbandonare il lavoro. Non solo, dalle analisi sembrerebbe emergere, -confermando studi passati- che gli uomini generalmente siano meno vulnerabili a livello cognitivo in seguito ad ansia e stress.

Daniele Banfi

Nella testa delle madri che uccidono i loro figli

medea uccide i propri figliQuando una mamma uccide un figlio genera la riprovazione generale senza riserve. Se poi si ostina a negare il fatto, nonostante le prove contrarie nelle mani degli inquirenti, la riprovazione non ha più attenuanti. Qui non vogliamo discutere se Veronica Panarello ha ucciso o meno il suo piccolo Loris, ma capire, perché fatti del genere possono accadere, e perché, una volta accaduti, ci si ostina a negarli.
Umberto Galimberti, La Repubblica ...

La famiglia 1+1

  • Mercoledì, 28 Maggio 2014 09:43 ,
  • Pubblicato in L'Articolo
Maria Novella De Luca, La Repubblica
27 maggio 2014

Vivono one-to-one. Spesso figli unici di sola madre. In casa nessun altro. Uno a uno. Maria con Davide, Gisella con Sofia Sole, Valia con Alice, Antonio con Giorgia, che ha cinque anni e una valanga di lentiggini. Nuclei minuscoli, ogni giorno più piccoli. ...

La depressione post parto dei neopadri

  • Martedì, 20 Maggio 2014 07:00 ,
  • Pubblicato in La Denuncia
Francesco Piolo, Corriere della Sera
18 maggio 2014

Ormai è un fatto noto: la depressione di padri che hanno appena avuto un figlio si avvicina al 10 per cento (con tendenza all'aumento, come dicono i meteorologi). La grande novità dei nuovi padri, quelli che si sono affrancati dalle consuetudini medievali in vigore fino a non troppo tempo fa, è anche questa. ...

facebook