×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 404

L'ho uccisa perché l'amavo

  • Giovedì, 18 Aprile 2013 08:48 ,
  • Pubblicato in Flash news

Michela Murgia
18 04 2013

Molte volte io e Loredana Lipperini ci siamo incontrate sulle stesse battaglie: dall'uso univoco e strumentale dell'immagine delle donne agli stereotipi di genere, dall'affermazione della consapevolezza del femminicidio alla tentazione di riportare indietro l'orologio dei diritti. Ci siamo spesso domandate come sia stato possibile lavorare per tanto tempo sugli stessi argomenti e non aver mai scritto niente insieme, ma ora abbiamo rimediato. Domani esce "L'ho uccisa perchè l'amavo", un piccolo libro nella bella collana Idòla di Laterza. Come suggerisce il titolo, è un libro di confutazione di tutti gli argomenti più o meno in buona fede che vengono opposti all'evidenza che le donne in questo paese stiano morendo in quanto donne in numero sempre crescente. E' un libro sulle parole che usano (e talvolta noi stesse usiamo) per raccontarci, sia vive che morte. Parla dell'equivoco della violenza scambiata per amore. Risponde a chi ha paura che parlare di femminicidio esasperi la "guerra tra i sessi". Prova a confutare la tentazione di ridurre la seduzione a una caccia. Lo fa con parole semplici, in poche pagine, perchè questo non è un discorso complicato. E' molto più complicato farlo percepire come necessario, urgente e non più rimandabile a tutte quelle persone che ne sono spaventate in buona fede.

Mentre lo scrivevamo abbiamo pensato anche alle altre persone, quelle in malafede, quelle che hanno ottimi motivi per non volerlo nemmeno affrontare questo discorso; mi riferisco a chi è convinto che le donne abbiano rotto con la storia del femminicidio, che non sono delle sante, che a volte un po' se la cercano, che per loro c'è un posto naturale e che sovvertire la natura equivalga a disorientare gli uomini e renderli pericolosi. Quelle persone lo so già che questo libro non lo leggeranno. Continueranno a venire sui nostri blog a scriverci che siamo pseudo femministe frustrate e che le vere battaglie sono altre.

DOPO #TORINOBURNING, UNA RIFLESSIONE SUL FALSO STUPRO

  • Lunedì, 12 Dicembre 2011 11:18 ,
  • Pubblicato in Il Commento
di Giovanna Cosenza, dis.amb.iguando
12 dicembre 2011 
 
Dopo la vicenda raccapricciante del campo nomadi bruciato a Torino (QUI lo storify di Valigia Blu), è utile fare qualche riflessione sulla notizia che appare secondaria: quella di una ragazzina di sedici anni che si inventa, complice il fratello, di essere stata stuprata da due rom, perché lo ritiene meno grave che confessare ai genitori di aver avuto, consenziente, il primo rapporto sessuale.

facebook