×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Editoria, cambio della guardia al New York Times

Huffington Post
15 05 2014

Per la prima volta il direttore è nero, si chiama Dean Baquet

Il cambio della guardia alla direzione del New York Times continua a essere simbolico. Dopo la prima donna a capo del prestigioso quotidiano statunitense, ora tocca al primo nero occupare una delle scrivanie più importanti del giornalismo mondiale: si chiama Dean Baquet e in queste ore sta rimpiazzando Jill Abramson, che non ha ancora spiegato ufficialmente le ragioni del suo abbandono. O è stata invitata ad andarsene?

Dean Baquet fino a questo momento ha ricoperto l'incarico di caporedattore all'interno del New York Times. In precedenza Baquet è stato direttore del Los Angeles Times e ha vinto un premio Pulitzer per una inchiesta sulla corruzione a Chicago.

 

 

Saremo tutti veramente uguali solo nel 2084, anno di centenario orwelliano in cui le donne e gli uomini dovrebbero avere il medesimo salario per il loro lavoro in ufficio, in fabbrica o dove il futuro avrà disposto. "Ci vorranno 70 anni per la pari retribuzione fra i sessi", stima la Commissione Ue, senza troppo entusiasmo. ...
Anche considerando che il ministro Maria Elena Boschi non è Marilyn Monroe, cercheremo di esaudire i suoi desideri, analizzando il discorso politico e non quell'avvenenza che ha fatto esclamare a Silvio Berlusconi (un vero intenditore): "Lei è troppo bella per essere comunista!". ...

Niente sesso, siamo pari

  • Sabato, 22 Marzo 2014 10:48 ,
  • Pubblicato in L'Articolo
Lori Gottlieb, Internazionale
22 marzo 2013

Qualche tempo fa sono andata a cena a casa di amici insieme ad altre coppie sui quaranta. Gli unici non sposati eravamo io e il mio ragazzo.
L'atmosfera è rimasta allegra fino a quando, arrivati al dolce, un invitato ha buttato lì una battuta sul porno online. ...
Francesca Sironi, L'Espresso
12 marzo 2014
 
La battaglia per le quote rosa, sostenuta da deputate di tutti gli schieramenti ma sconftitta dal voto alla Camera, è un gigantesco fraintendimento di quello che le donne potrebbero fare in politica nel 2014.

facebook