Un'inchiesta del Daily Mai! (quotidiano filo conservatore, ben felice di punzecchiare il femminismo) ha rivelato infatti che le t-shirt sono confezionate alle isole Mauritius in uno "sweatshop", una fabbrica dove i lavoratori sono sfruttati in barba alle norme internazionali.
Enrico Franceschini, la Repubblica ...

facebook