×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Dove comandano i "caporali"

Pawel Kuczynski-SfruttamentoSono almeno 150 mila gli italiani che nel settore agricolo oggi vivono le stesse situazioni di vulnerabilità e sfruttamento degli stranieri quanto a condizioni di lavoro.
Emilio Fabio Torsello, Il Sole 24 Ore ...

Dalla vigna al cimitero: Paola, morta per 27 euro

  • Mercoledì, 05 Agosto 2015 11:16 ,
  • Pubblicato in La Denuncia
Caporalato in agricolturaTiziana Colluto, Il Fatto Quotidiano
4 agosto 2015

Nessuna indagine né proteste per il decesso avvenuto in silenzio il 13 luglio. Per Paola Clemente non c'è stata alcuna indagine. Né un'autopsia. [...] "È diventata subito un fantasma, senza che la notizia trapelasse per settimane. ...

Dalla vigna al cimitero: Paola, morta per 27 euro

Nessuna indagine né proteste per il decesso avvenuto in silenzio il 13 luglio. Per Paola Clemente non c'è stata alcuna indagine. Né un'autopsia. [...] "È diventata subito un fantasma, senza che la notizia trapelasse per settimane.
Tiziana Colluto, Il Fatto Quotidiano ...

Terremoto L'Aquila. Arresti per sfruttamento manodopera

  • Giovedì, 30 Luglio 2015 09:24 ,
  • Pubblicato in Flash news

Dazebao News
30 07 2015

Dalle prime ore del mattino i carabinieri del comando provinciale di L'Aquila, insieme ai reparti territoriali competenti, hanno eseguito una serie di ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di una associazione per delinquere, composta da soggetti residenti in Abruzzo e Romania, operante nel settore della ricostruzione post-sisma.

L'indagine transnazionale, denominata 'social dumping' e coordinata dalla procura distrettuale presso il tribunale di L'Aquila, ha messo in luce un'organizzazione dedita al reclutamento e allo sfruttamento di flussi di manodopera provenienti dall'est Europa. Per la prima volta a L'Aquila, nello scenario della sua difficile e sofferta ripresa, e' stato contestato agli arrestati anche il reato di autoriciclaggio, recentemente introdotto. I dettagli dell'operazione saranno illustrati dal capo della procura distrettuale antimafia, Fausto Cardella, nel corso di conferenza stampa che si terra' presso il Tribunale di L'Aquila (sede di Bazzano) aula C alle 11.

Le persone raggiunte dall'ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'attivita' denominata 'social dumping sono: Antonio D'Errico detto 'Tonino' 59 anni, residente a Tortoreto (Teramo); Nicolae Otescu detto 'Nico' di 46 anni, cittadino romeno residente a Lugoj (Romania); Francesco Salvatore di 56 anni di Pettorano sul Gizio (L'Aquila), residente a Sulmona; Panfilo Di Meo di 52 anni di Sulmona; Giancarlo Di Bartolomeo di 49 anni di Teramo; Massimo Di Donato di 63 anni, anche lui di Teramo. Tra le diverse misure cautelati adottate, il Gip del Tribunale dell'Aquila, Guendalina Buccella ha disposto per gli ultimi quattro la detenzione per soli due mesi. Successivamente, la misura prevede i domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico.
Infine disposto anche il divieto di esercitare l'attivita' imprenditoriale.

 

Mohamed è morto raccogliendo pomodori

Nardò-Migranti
Il caldo eccessivo, il sole forte, probabilmente la stanchezza, lo hanno stroncato: è successo l'altro ieri, alle due del pomeriggio, in un campo di Nardò, in provincia di Lecce. Il bracciante, un immigrato sudanese di 47 anni, non aveva un contratto, ma era in possesso della carta di soggiorno in quanto richiedente asilo.
Antonio Sciotto, Il Manifesto ...

facebook