Ma oggi Peter Pan è più spesso donna

Donne-AdolescenzaSusanna Schimperna, La Gazzetta Del Mezzogiorno
29 settembre 2015

È come se ormai si vivesse, per mancanza di veri spartiacque che scandiscano le varie tappe evolutive, in una lunga post-adolescenza. Questo riguarda tutti, donne e uomini. ...

Il turismo oggi un'opportunità anche per la pace

Ieri, domenica 27 settembre, come ogni anno, si è celebrata la "Giornata Mondiale del Turismo". [...] L'incontro, lo scambio e la condivisione, favoriscono l'armonia e la concordia.
Carlo Scarpa, Il Gazzettino ...

Un abbraccio Eretico e solidale ad Alice Sabatini

  • Mercoledì, 23 Settembre 2015 09:23 ,
  • Pubblicato in Flash news

Abbatto i muri
23 09 2015

La lapidazione della settimana è dedicata ad Alice Sabatini, vincitrice del concorso per Miss Italia e autrice di una delle battute più ingloriosamente spiacevoli per il pubblico. Sono tutti fan dei partigiani? Sono consapevoli del fatto che esistevano anche le partigiane? Sanno che in quegli anni si lottava per la liberazione dal nazifascismo? Direi di no. Non tutti. Quello che ho letto in questi giorni è stato puro fango gettato contro una giovane donna con i pretesti più esilaranti. Riderei moltissimo se non ci fosse da piangere.

non bisogna difenderla in quanto donna perché quel che ha detto è indifendibile.
Rammento a lettori e lettrici che mai e poi mai ho difeso una donna perché donna e men che meno ho evitato di difendere uomini soggetti allo stesso tipo di linciaggio.
non bisogna difenderla perché una Miss, ‘sti cazzi, certe cose le deve sapere.

Ma siete tutti diventati giudici che assegnano il Nobel? No, perché da quel che so c’è chi Miss Italia non l’ha seguita mai, chi ha addirittura firmato petizioni per fare chiudere il programma, chi, da sempre, ha considerato le partecipanti solo un branco di oche esibizioniste che fanno tanto male alla lotta per i diritti delle donne. Dunque perché mai all’improvviso vi è venuto questo interesse sui motivi per cui una ragazza deve essere eletta? Come mai vi vedo formulare regole per l’esclusione di un concorso o per la bocciatura di una candidatura?

non bisogna difenderla perché è ignorante e allora possiamo darle della troia, della capra, possiamo dirle di andare a consegnarsi in Siria agli uomini dell’Isis.
La maggior parte della gente che commenta scommetto che sa poco della seconda guerra mondiale. Scommetto anche che tra chi contesta la Miss ci sono un po’ di fascisti che non hanno gran simpatia per i partigiani. Scommetto che sono tante le donne che si sentono in diritto – e non gli pare vero – di poter insultare una bella ragazza che tradisce l’obbligo di clausura morale. Ma a prescindere da quel che sanno, che diritto avete di insultare in questo modo una persona?
non bisogna difenderla perché ha detto che tanto è donna e non doveva fare il militare.

E qui interviene il sentimento misogino e virile di chi vorrebbe dimostrare che le femmine storicamente non sono servite a nulla e che hanno sempre delegato gli uomini per i compiti faticosi e pericolosi. A nessuno viene in mente che questa giovanissima ragazza potrebbe aver detto la prima cosa che le è uscita dalla bocca senza pensare, colta alla sprovvista, essendo la prima a rispondere alla domanda, per me idiota, posta da Amendola, colta dall’emozione e con la sensazione di aver combinato un gran disastro.
La ragazza risponde a chi la sfotte in malo modo e spiega, per l’appunto, che l’ha detta male. Avrebbe voluto rivivere l’epoca in cui è vissuta sua bisnonna, per capire quel che succedeva allora, e a me non sembra poi un cattivo proposito. Ma anche se non fossi d’accordo con quello che lei pensa e che ha detto non mi permetterei mai di sfogare il mio odio sulla tastiera con il pretesto di un’accusa che pare impressa sulla pietra.

Ora so che appresso a questo post ci saranno un po’ di insulti rivolti anche a me, perché se togli l’osso ai cani è ovvio che sbranano te. E’ un meccanismo che conosco più che bene per averlo provato molte volte. Ma il punto è che ho provato a discuterne in modo sereno con un post sulla mia pagina facebook, ma si è precipitata una folla di gente accanita, in qualche caso ostile, in posa da crociata, livorosa, che mi ha lasciata sbigottita. Davvero lapidereste una persona per così poco? Avete una vaga idea dei mille motivi per cui dovreste essere furiosi?

Mai ho visto altrettanta indignazione per gli stranieri che crepano in mare, per i provvedimenti del governo, per i furti di vita e di respiri che i potenti, quelli che monopolizzano l’economia mondiale, compiono senza alcuno scrupolo, senza coscienza.

Le ragazze hanno diritto a partecipare a quel che vogliono. Si chiama libertà di scelta. Hanno anche il piacere di essere criticate ma non mi dite che quel che ho letto in questi giorni si chiama “critica” perché non lo è. Non lo è affatto. Per queste e altre ragioni, dunque, io sto con questa ragazza, dai capelli corti, pura eresia a detta dei commentatori, e dal sorriso vivace e luminoso. Io sto con lei e con tutte le ragazze che crescendo hanno tutto il diritto di sbagliare, perché ho avuto 18 anni anch’io e dovreste ricordare che anche voi, a 18, forse a 30 o perfino a 50 anni avete detto tante di quelle sciocchezze che ci si può riempire un palazzo intero.
Auguri a questa giovane ragazza, per la sua carriera, sperando possa emanciparsi economicamente e vivere al meglio imboccando la strada che le piace di più.

di Eretica

 

L'opinione pubblica nella trappola

L'opinione pubblica, il complesso di convinzioni in base a cui vanno i cittadini a votare. Il guaio è che questa è un ammasso incongruo in cui informazioni accurate e riflessioni approfondite si mischiano con pregiudizi, fantasie, leggende metropolitane e bugie casuali o artefatte.
Raffaele Simone, Il Fatto Quotidiano ...
Aprire la casa ai profughi. Anche solo per brevi periodi, anche una volta ogni tanto, riflette l'insegnante: "Ci sono molte energie nella società civile che possono così essere utilizzate".
A. Cop., Il Corriere Della Sera ...

facebook