Gianni Amelio presenta "Todo modo" di Elio Petri

  • Venerdì, 10 Aprile 2015 09:00 ,
  • Pubblicato in L'Iniziativa
Todo Modo
Lunedì 13 Aprile, ore 20.30
Cinema Alcazar
Roma

Le Zuppe nutrono il pianeta, EXPO no!

  • Domenica, 22 Marzo 2015 08:07 ,
  • Pubblicato in L'Iniziativa

La Repubblica
17.03.2015

Il blitz dei vigili e carabinieri che hanno messo sotto sequestro lo storico club di via Casilina Vecchia. Indagato il proprietario, Romano Cruciani

Sequestrato il Circolo degli Artisti di Roma. Con un blitz i vigili urbani del I gruppo e i carabinieri hanno posto i sigilli al locale di via Casilina Vecchia in esecuzione di un decreto emesso dal gip di Roma su richiesta del pm Alberto Galanti. Per gli indagati, tra i quali anche il gestore Romano Cruciani, l'accusa principale è quella di aver occupato irregolarmente la struttura.

Tra le contestazioni mosse ai quattro indagati, oltre all'occupazione abusiva del locale, ci sono anche trasformazione urbanistica fatta senza autorizzazione e interramento illecito di rifiuti, tra cui amianto. E ancora: invasione di terreni (art. 633 codice penale), distruzione o deturpamento di bellezze naturali e violazione delle norme ambientali sono i reati ipotizzati dal pm Galanti nell'ambito dell'inchiesta. Tra gli episodi presi in esame anche i lavori di ampliamento, si legge nel decreto di sequestro, dell'immobile "ove insiste il locale, soggetto a vincolo archeologico, senza la prescritta autorizzazione, in tal modo alterando e deteriorando un bene archeologico soggetto a speciale protezione dell'autorità e segnatamente l'acquedotto Felice, di epoca romana".

Nel provvedimento firmato dal gip Riccardo Amoroso si sottolinea "l'assenza di un formale provvedimento di concessione per l'uso dell'area di proprietà del Comune di Roma, tanto da rendere illegittima la stessa occupazione del terreno protrattosi dal 1998 sino ad oggi, senza il pagamento neppure di un canone". Non solo, per il gip "lo stravolgimento dell'originaria destinazione dell'area che avrebbe dovuto essere funzionale ad una utilizzazione compatibile con la tutela del patrimonio culturale ed archeologico, rende evidente il pericolo che la libera disponibilità della struttura aggravi o protragga le conseguenze del reato".

Sigilli al Circolo degli Artisti di via Casilina Vecchia, a Roma. Il provvedimento, emesso dal gip su richiesta del pubblico ministero Alberto Galanti, è stato eseguito dai carabinieri e dai vigili urbani. Per quattro indagati, tra i quali Romano Cruciani, gestore del Circolo, l'accusa è quella di occupazione abusiva del locale, trasformazione urbanistica fatta senza autorizzazione e interramento illecito di rifiuti, tra cui anche amianto.

Il locale è molto conosciuto in città, con il tempo è diventato punto di riferimento per i giovani, romani e non. La programmazione ha da sempre riservato grande attenzione alle nuove tendenze musicali, italiane e straniere. Così oltre ai concerti di diversi gruppi musicali, organizza aperitivi, mercatini, eventi allestiti spesso nel cortile esterno. All'interno c'è anche una pizzeria. Nel settembre del 2013 il locale ha festeggiato i suoi 25 anni di attività.

Nell'ottobre scorso dell'amianto è stato trovato sotto il Circolo degli artisti, nel punto indicato da un ex dipendente del club che lo scorso aprile aveva denunciato il gestore del locale, Romano Cruciani, accusandolo di aver ordinato l'occultamento del materiale. Per questo Cruciani è indagato dalla procura di Roma per reati contro l'ambiente.

Giù le mani dai centri sociali!

  • Sabato, 14 Marzo 2015 10:21 ,
  • Pubblicato in La Denuncia
Rete diritto alla cittàOggi, 13 marzo 2015 come Rete per il Diritto alla Città abbiamo di nuovo occupato gli uffici dell'assessorato al patrimonio del comune di Roma. Il motivo che ci ha portato qui è una richiesta assurda da parte del patrimonio che ritiene che il centro sociale Corto Circuito dovrebbe dare più di 600.000 € di arretrati di affitto, altrimenti , il 6 aprile questo assessorato pretenderebbe di rientrare in possesso dell'area.

facebook