Stalking: Oss. Nazionale, in aumento i casi di donne-stalker

  • Venerdì, 26 Aprile 2013 12:47 ,
  • Pubblicato in Flash news
Osservatorio Stalking
26 04 2013

Aumentano i casi di donne-stalker. "Non si puo' e non si deve piu' parlare di violenza di genere, ma di violenza trasversale", spiega all'Adnkronos Massimo Lattanzi, coordinatore dell'Osservatorio Nazionale Stalking che, grazie al lavoro svolto da volontari psicologi e psicoterapeuti, e' riuscito a risocializzare 250 stalker. Lattanzi segnala che, dall'inizio di quest'anno, 50 persone hanno perso la vita a causa della violenza e dello stalking: ''35 omicidi per mano di un uomo e 10 per mano di una donna, a cui vanno aggiunti 5 suicidi".
Si24.it
22 04 2013

Maurizio Russo, 38 anni di Castelvetrano, è stato arrestato dai carabinieri dopo essersi introdotto in casa dell'ex moglie e aver aggredito la donna e la cognata.

Le donne, terrorizzate, si erano barricate in casa cercando invano di dissuadere l'uomo dal suo intento. Allertati i carabinieri, al loro arrivo i militari hanno tentato di calmarlo. Dopo un primo allontanamento, l'uomo è tornato davanti all'abitazione della moglie, ha sferrato un calcio alla finestra della camera da letto, ed è riuscito ad entrarvi. Quindi ha iniziato ad inveire contro le due donne, aggredendole.

Sono tornati allora i militari che l'hanno bloccato e condotto in caserma, dove è stato successivamente dichiarato in arresto per stalking.

La moglie dell'arrestato, sottoposta alle cure del Pronto Soccorso, ha riportato traumi e una crisi ansiosa reattiva, venendo dichiarata guaribile in 5 giorni. La sorella della donna ha invece riportato delle lesioni guaribili in 10 giorni.

L'arrestato, dopo l'udienza di convalida dell'arresto che si è tenuta presso il Tribunale di Marsala, è stato sottoposto al divieto di avvicinamento alla casa della moglie.
Denise Morello, aveva 22 anni. Sul suo profilo Facebook una foto sorridente e un'infilata di messaggio teneri che soltanto a quell'età si ha il coraggio di scrivere. Lui si chiamava Matteo Rossi, di anni ne aveva 38. ...
Anni di telefonate mute, pedinamenti, squilli in piena notte. Poi la decisione di dare fuoco all'auto della "rivale", la seconda moglie di quello che per lei era ancora il suo uomo. ...
La Nazione
28 01 2013

Telefona al molestatore di un'amica per difenderla e finisce per essere processato e condannato lui per molestie telefoniche. La paradossale vicenda e' stata ricostruita in Tribunale ad Arezzo e risale all'estate del 2010.

Lui è un quarantaseienne di Perugia, raccoglie le lamentele di un'amica, stremata dalle continue telefonate dell'ex fidanzato.

Per difenderla sio fà dare una scheda telefonica intestata alla ragazza e prova a servire il molestatore allostesso modo: comincia a telefonare all'ex, un aretino di 48 anni, intimandogli con parole grosse, insulti e minacce, di farla finita. Il destinatario delle chiamate, stanco a sua volta delle telefonate del 46enne si decise a sporgere denuncia.

Morale? Il perugino è così finito a processo per molestie telefoniche, minacce e ingiurie, accuse sostenute in aula dal pm Bernardo Albergotti davanti al giudice Giampaolo Mantellassi che lo ha condannato a due mesi.

facebook