L'Europa si è fermata nell'inferno di Moria Camp

  • Giovedì, 15 Settembre 2016 14:55 ,
  • Pubblicato in ZeroViolenza
LesvosMarzia Bianchi, Zeroviolenza
15 settembre 2016

"Welcome, you are safe!"
Sono state le prime parole che ho pronunciato nel momento esatto in cui ho raggiunto correndo un gruppo di profughi che era stato fatto scendere sugli scogli di Corocas, a Lesbo, mentre facevo eco volontariato per pulire le coste del nord.

Noam Chomsky: "Vergognosa l'Europa su Siria e Turchia"

  • Giovedì, 15 Settembre 2016 06:46 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Migranti EuropaVirginia Tonfoni, Il Manifesto
15 settembre 2016

Noam Chomsky ospite del convegno "Dice2016" organizzato dall'Università di Pisa: "Gli immigrati migliorano l'economia: è inquietante che in paesi dove il tasso di migranti è alto, il razzismo invece di diminuire, aumenti".

La guerra turca dove nemici e alleati si confondono

  • Lunedì, 22 Agosto 2016 06:30 ,
  • Pubblicato in REPUBBLICA
Attentato a GaziantepBernardo Valli, La Repubblica
22 agosto 2016
 
La città della strage si trova nel Sud-Est, vicino alla frontiera siriana. Da quando è cominciata la guerra vi arrivano migliaia di profughi. Non è escluso che il ragazzo "di 12 o 14 anni" fosse uno di loro. Recep Tayyip Erdogan ha indicato l'adolescente come l'autore dell'attentato di sabato sera. Forse si è fatto esplodere da solo, come un kamikaze adulto, forse qualcuno ha azionato un dispositivo a distanza.

Abusi sessuali e minacce: in Turchia donne bottino di guerra

  • Mercoledì, 27 Luglio 2016 07:55 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Turchia Violenza sulle donneChiara Cruciati, Il Manifesto
27 luglio 2016

Una pilota, una giornalista e una rettrice. Tre donne arrestate in poche ore raccontano il buco nero in cui sono finite le cittadine turche. Assenti dalle piazze

Diritti umani "sospesi" in Turchia

  • Venerdì, 22 Luglio 2016 05:03 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Diritti umani in TurchiaMariano Giustino, Il Manifesto
22 luglio 2016

Per la sesta notte di fila dopo il fallito golpe del 15 luglio, nelle strade e nelle piazze delle città turche i manifestanti filogovernativi si ritrovano richiamati dagli appelli del presidente Erdogan e dai müezzin delle moschee.

facebook