Sentire, pensare e dire con gli emoji

  • Sabato, 30 Maggio 2015 09:48 ,
  • Pubblicato in Il Commento
BacioSarantis Thanopulos, Il Manifesto
30 maggio 2015

L'uso di emoji, la scrittura ideografica presente in tutti gli smartphone, sta cambiando lo stile della comunicazione rapida in tutto il mondo. Il fenomeno comincia a essere studiato. Match.conn, un importante sito di appuntamenti, ha pubblicato a Febbraio un sondaggio tra 5.675 single, uomini e donne, statunitensi in cui si evidenzia una correlazione positiva tra l'uso di emoji e l'attività sessuale...

Cinquecento anni di solitudine

  • Venerdì, 24 Aprile 2015 07:32 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Crisi del capitalismoEduardo Galeano, Il Manifesto
24 aprile 2015

Fine del secolo, fine del mil­len­nio, festa di com­pleanno. Il mondo del nostro tempo - mondo tra­sfor­mato in mer­cato, tempo del'uomo ridotto a mer­can­zia - cele­bra i suoi cin­que­cento anni. Il 12 otto­bre del 1492 nac­que la realtà che oggi viviamo su scala uni­ver­sale: un ordine natu­rale nemico della natura, e una società umana che chiama "uma­nità" il venti per cento dell'umanità.

L'altro (uomo)

relazioni_magritte
La cronaca di ogni giorno ci racconta la violenza degli uomini che scatta di fronte a una scelta di autonomia e di libertà da parte delle loro fidanzate, mogli, figlie, sorelle. Preferiscono lavorare anziché stare a casa, vogliono viaggiare, magari ci lasciano persino. [...] Dietro queste scelte scorgiamo altri uomini, che ci vengono preferiti, con i quali siamo in più o meno oscura competizione. È per via di questa relazione rimossa che anche la relazione con la donna è in realtà una non-relazione, una riduzione dell'altra a oggetto, contro il quale eventualmente ci si accanisce quando ci si sente sconfitta.
Alberto Leiss, Il Manifesto ...

La vita online aumenta il disagio sessuale

  • Martedì, 28 Ottobre 2014 14:48 ,
  • Pubblicato in Flash news

La Repubblica
28 10 2014

NASCONDERSI dietro un falso nome e una falsa immagine per intessere relazioni con altri utenti connessi allo stesso social network. È così che molti, giovani e non, affrontano il proprio disagio nel confrontarsi con gli altri. Ma questo tipo di comportamento non fa che alimentare le proprie insicurezze sociali e sessuali. A sostenerlo è il sessuologo Angelo Peluso, professore della Facoltà di medicina e chirurgia dell'Università Tor Vergata di Roma, durante un recente convegno: "I social network alimentano malessere e disagio nelle relazioni affettive e sessuali".

"Le identità recitate", ha proseguito Peluso, tra i fondatori Società italiana di sessuologia clinica, "caratterizzano le relazioni online attraverso la mediazione di fake, ovvero di false identità, che interagiscono costruendo immagini mascherate del sé e degli altri, in un sistema di rapporti collusivi". Quindi "la vita online provoca effetti placebo non solo in soggetti depressi e solitari ma in chiunque abbia un'insicurezza o disagio rispetto alla percezione della propria immagine", e "anche coloro che non hanno problemi di autostima affidano al web e ai social l'occultamento dei propri difetti e l'esaltazione di pregi non sempre reali". "I legami tra false identità", ha concluso il sessuologo, "generano benessere precario destinato a sgretolarsi quando i soggetti si calano nella dimensione delle relazioni reali, dove barare è molto più difficile".

Il diritto alla parola del corpo

  • Martedì, 30 Settembre 2014 13:35 ,
  • Pubblicato in Flash news

La Stampa
30 09 2014

Il corpo parla, non può fare a meno di farlo. Parla attraverso i gesti, le espressioni del viso, gli abiti. tutto in noi è linguaggio, che gli altri decifrano mediante i segni intellegibili che appartengono alla cultura comune, condivisa

 

facebook