Migranti Rifugiati LibiaCarlo Lania, Il Manifesto
30 settembre 2017

"Ma visti i buoni rapporti che ha con il governo libico, ministro riesce a convincere il premier Serraj a firmare almeno la convenzione di Ginevra e quella sui diritti dell’infanzia?". La domanda arriva nel bel mezzo della riunione convocata lunedì scorso alla Farnesina dal ministro Angelino Alfano con più di venti Ong italiane.
MigrantiManuela Cencetti, Zeroviolenza
19 settembre 2017

Ritorniamo alle campagne coloniali italiane nel mezzo del Mediterraneo: la recentissima campagna militare di Libia garantirebbe ora il non-arrivo di migranti, rifugiati e richiedenti asilo sulle coste o isole italiane.
Quello che è accaduto nelle ultime settimane è di nuovo un'operazione di alta cosmesi.

Migranti BarconiFabio Tonacci, La Repubblica
18 settembre 2017

Gli scafisti italiani sono una garanzia. "Con loro non rischi di affondare in mezzo al mare". Gli scafisti italiani puntano sulla qualità. "Il gommone è nuovo, dentro è fatto di legno e ha un motore potente".
Gli scafisti italiani viaggiano con un coltello lungo un braccio, e si sono messi in affari con criminali tunisini a cui non frega niente di chi portano in Sicilia.

Migranti Piazza VeneziaValerio Renzi, FanPage
5 settembre 2017

Un'altra notte in strada nei giardini di piazza Madonna di Loreto per i rifugiati eritrei di piazza Indipendenza. Dopo lo sgombero di ieri sono tornati e hanno dormito in strada e questa mattina la polizia li ha allontanati dall'area.
Migranti Rifugiati Stato d'EmergenzaManuela Cencetti, Zeroviolenza
4 settembre 2017

Il testo che segue – e che sarà pubblicato “a puntate” – è nato nei mesi in cui è partito l’attacco politico e mediatico contro le ong che operano nel Mediterraneo.
In questo percorso si intendono articolare e collegare alcuni fenomeni strutturali (migrazioni, forme di accoglienza, condizioni di vita e sfruttamento di migranti e richiedenti asilo in Italia, ecc.) con alcuni eventi di cronaca recente in un quadro di guerra aperta ai migranti da parte delle “nuove” politiche coloniali e militari di Italia e Unione Europea in Libia e più precisamente in Africa subsahariana.
La prospettiva di chi scrive è quella di chi opera nelle ong ma anche di chi fa parte di movimenti di lotta e autodeterminazione, qui come altrove.

facebook