Isole dell'Egeo come prigioni: "Profughi ormai allo stremo"

  • Venerdì, 03 Novembre 2017 11:03 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Migranti Isole ProfughiCarlo Lania, Il Manifesto
3 novembre 2017

Per i rifugiati siriani, iracheni e afghani le isole greche dell'Egeo sono ormai una prigione a cielo aperto. Le condizioni di vita nei campi di Chios, Samos, Kos, Lesbo e Leros – denunciano le organizzazioni umanitarie – sono oltre il limite della sopportazione e le persone, spesso intere famiglie, sono costrette a cercare da sole un rifugio dove ripararsi.

Vuoti a perdere

Migranti Campi LibiaMaria Matteo, A-Rivista Anarchica
24 ottobre 2017

Il confine tra sommersi e salvati si sposta oltre il deserto - in Ciad, in Niger e in Mali - dove sorgeranno i nuovi centri di detenzione per migranti. In Libia le milizie che controllano il traffico di esseri umani hanno stretto un lucroso accordo per bloccare le partenze. Nel Mediterraneo sono state cacciate le Ong, che hanno ripescato migliaia di uomini, donne e bambini. In fondo, i migranti sono solo vuoti a perdere. E non solo loro.

#nonèreato, il 21 ottobre in piazza contro il razzismo

  • Giovedì, 19 Ottobre 2017 07:30 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Migrare #nonèreatoIl Manifesto
19 ottobre 2017

#Nonèreato. Abbiamo bisogno di giovani, ragazze e ragazzi italiani e nuovi cittadini, per costruire il futuro di questo paese; abbiamo bisogno di accoglienza, solidarietà e speranza.
Condividiamo le ragioni della manifestazione del 21 ottobre contro il razzismo a Roma, testimoniamo l’umanità che ci unisce.

A Palermo la nave dei bambini: 241 minori, 120 sono soli

  • Sabato, 14 Ottobre 2017 07:27 ,
  • Pubblicato in AVVENIRE
Bambini migranti PalermoNello Scavo, Avvenire
14 otobre 2017

Sono più di duemila i migranti partiti dalla Libia e sbarcati in Italia negli ultimi quattro giorni. Quasi tutti i barconi sono partiti da Zuara, la località nella quale si sono svolti aspri combattimenti tra clan rivali. Traversate che si aggiungono a quelle dalla Tunisia, sempre ad opera dei trafficanti libici, e che dimostrano come gli accordi per l’interruzione del traffico di esseri umani incontrino tensioni e resistenze tra le milizie libiche.

3 ottobre 2013, la tragedia rimossa dall'odio

  • Martedì, 03 Ottobre 2017 07:17 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Migranti LampedusaFilippo Miraglia, Il Manifesto
3 ottobre 2017

Tre ottobre 2013, al largo dell'isola di Lampedusa morirono in un naufragio 368 persone.
Quella data, il 3 ottobre, è stata dichiarata, con una legge approvata dal Parlamento, Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione.
Si trattò di una vera tragedia, documentata da immagini strazianti, come la lunga fila di bare nell’aeroporto dell’isola, che fece in pochi minuti il giro del mondo.

facebook