×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62

BERLUSCONI, LE DONNE, LA SINISTRA

di Anita Sonego, da Liberazione 21 gennaio 2011

Berlusconi è un uomo anziano che non accetta il naturale declino dei viventi e che usa il corpo delle
donne (pagandole profumatamente) per illudersi di fermare il tempo, per sentirsi giovane..
Questa fantasia faustiana ci è totalmente estranea?

“La fontana della giovinezza” è un topos narrativo e pittorico.  L'affresco di un castello della Val D’Aosta ed un meraviglioso quadro del 500 alla Gemelde Galerie di Berlino rappresentano vecchi decrepiti e donne “sfatte” che entrano nella magica fontana per uscirne piacenti e pronte/i ai piaceri della carne e della seduzione.

Non è quindi per questa millenaria fantasia che il nostro attempato Presidente del Consiglio fa parlare di sé ma per l’uso del corpo femminile come strumento “magico” per illudersi di sconfiggere la sua” transeuntità.”

Quest’uso del corpo femminile è (considerato) una perversione indegna di un capo di stato, di un uomo politico “rispettabile”. Mi associo a questo giudizio di cui sono pieni i giornali “democratici” e di “sinistra”.
I microfoni aperti delle nostre radio grondano indignazione; il popolo viola manifesta davanti al Quirinale e le donne del PD chiedono (dalla piazza di Bologna) le dimissioni di Berlusconi.

Bersani, Vendola e Di Pietro gridano all’indegnità e persino l’Avvenire comincia a criticare il leader politico alleato di ferro di CL e del Vaticano, che ha tolto i finanziamenti alla scuola pubblica per darli a quelle private; che, pur essendo un puttaniere, sostiena la “sacra famiglia” formata dagli sposi di sessi diversi e vieta di riconoscere legalmente le relazioni affettive delle coppie di fatto o omosessuali.

Un Presidente del Consiglio che può bestemmiare perché impedisce il testamento biologico e l’autodeterminazione della donna.

La sinistra, la così detta “opposizione” si trova, in questi giorni a difendere la dignità delle donne, a
denunciare il mercimonio dei corpi (anche di minorenni!). Dovrei essere felice: eppure c’è qualcosa
che mi perplette, che mi “suona male”.

Non sarà -mi chiedo- che, ancora una volta, le donne vengono usate per una lotta tra uomini?
Perché l’uso ed il pagamento del corpo delle ragazze che vediamo dispiegato nelle strade delle nostre città, esaltato in televisione dal primo mattino fino a notte tarda, è diventato un tabù solo ora?
Non vorrei -mi dico- fare la fine delle donne afgane che, poverine, avevano bisogno di essere difese dai bruti repressori talebani e, perciò, gli occidentali sono andati a bombardarle…
Ricordo anche che quando la DC era allo sfascio ricorsero alla Anselmi e alla Iervolino per reggere la baracca..

Infine, malignamente mi chiedo se, per caso, le donne non vengano usate da un’opposizione incapace di avere altri strumenti per far cadere il caudillo..
Perché solo ora i “democratici” si sono resi conto del maschilismo di cui è impregnata la nostra società? Perché nessuno ha denunciato -molti anni fa- Bossi quando, da ministro, si vantava di “avercelo duro”?

Perché, al di là delle ripetute ed inutili lamentele, non si è cercato di capire perché solo in Italia la pubblicità sia tanto machista e usi la donna come oggetto in maniera tanto violenta?
Evidentemente c’è qualcosa, in questo paese, per cui una pubblicità tanto becera fa vendere. E perché fa vendere? Provo a dare alcune risposte.

- Nel nostro stato è connaturalmente privilegiata una Chiesa che tenacemente mantiene in mani maschili il monopolio del sacro.
- Nel nostro parlamento le donne sono presenti in percentuali infinitesimali: molto inferiori a quelle di gran parte dei paesi africani
- Nei partiti -anche di sinistra- tutti i leader sono maschi.
- Nella Federazione della Sinistra tutti i portavoce sono maschi ed è stata sonoramente bocciata la
proposta di 2 portavoce (un uomo e una donna).
- In SeL (gruppo politico di una sinistra avanzata e moderna) un capo -maschio- riassume su di sé anche il femminile..
- Sono in gran parte le donne che fanno vivere i “movimenti”: No Base, No Tav ecc..Basti per tutte
la storia dei SocialForum..
- A Milano alle primarie della sinistra i 5 candidati erano tutti maschi!

Quando finirà questo dominio? Questa assurdità più o meno inconsapevole?
Quando, la sinistra, comprenderà che deve farsi invadere dal conflitto, deve mettere in discussione il proprio maschilismo pseudo democratico se vuole rappresentare un’alternativa?
Pensate davvero che le donne di sinistra, oggi, vogliano fare come le partigiane: combattere assieme il nemico principale per poi, vinta la battaglia, essere riportate al loro ruolo di madri, mogli o accuditrici dei bisogni altrui?

Siamo ad un passaggio epocale. La sinistra può riavere una credibilità solo se saprà mettersi radicalmente in discussione soprattutto per quanto riguarda il rapporto tra i sessi che, forse, anche grazie a Berlusconi, è ritornato ad essere un indicatore fondamentale di democrazia, eticità e dignità
umana.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook