Il gioco è una cosa seria! Siamo in strada per ribadirlo!

Pubblicato in Il Comunicato
Letto 2952 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Nuovo Cinema Palazzo
12 giugno 2013

Il 22 maggio scorso Massimiliano Pucci, presidente di Assotrattenimento Gioco Lecito, associazione aderente a Confindustria, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica contro SenzaSlot, una piccola realtà pavese nata per iniziativa di semplici cittadini impegnati contro il proliferare del gioco d'azzardo e delle slot machine nei bar sul territorio.
100 miliardi di fatturato, 4% del PIL nazionale, la 3° industria italiana, 41 clan che gestiscono “i giochi delle mafie”, 8 miliardi di tasse. 12% della spesa delle famiglie italiane, 15% del mercato europeo del gioco d’azzardo, 4,4% del mercato mondiale, 400.000 slot-machine, 6.181 locali e agenzie autorizzate. 15 milioni di giocatori abituali, 3 milioni a rischio patologico, circa 800.000. 5-6 miliardi l’anno necessari per curare i dipendenti dal gioco patologico. (dati del 2011, Azzardopoli)

A questo bisogna aggiungere non solo che di gioco d’azzardo, che gioco non è, ci si ammala. Ma soprattutto che l’azzardo genera miseria, solitudine e impoverimento economico e culturale: chiudono i cinema, i teatri, i luoghi della cultura e della socialità, aprono sale gioco, bingo e casinò.

Questo è quello che denunciano da anni associazioni e comitati come SenzaSlot. Ma a  tutto questo non solo Confindustria non ha risposto ma addirittura ha deciso di  denunciare  gli attivisti  perché definivano  inutile una regolamentazione del gioco da parte di una “cupola” di gestori. Pare che ad innervosirli davvero però sia stato un tweet, dal profilo dell’associazione, che li definiva “vermi”.

Anche noi pensiamo che la vera risposta all’azzardo non possa venire da chi ha troppi interessi “in gioco” ma solo attraverso la creazione di modelli alternativi di pensiero, di socialità, di gioco, di riappropriazione di spazi e di linguaggi culturali.  Per questo esigiamo dalla nuova amministrazione cittadina un’inversione di rotta rispetto alla precedente ostaggio del “sistema gioco”.

E’ quanto stiamo scoprendo e praticando a San Lorenzo giorno dopo giorno da quando due anni fa  i cittadini hanno deciso di riprendersi  il Cinema Palazzo contro il progetto di creazione di un casinò. Oggi il Cinema Palazzo è un luogo aperto alla città che vive di cultura, di partecipazione e di autogoverno.  Ma anche di vero gioco e divertimento che all’alienazione delle videolottery  risponde con BET, la 3° edizione del Torneo Popolare di Briscola e Tresette. Che si svolgerà questo fine settimana, il 14 15 e 16 giugno al Cinema Palazzo.

La nostra azione di denuncia durerà il tempo di una partita a tresette a 41 con l’accuso. E visto che questo animaletto fa particolarmente innervosire i giganti di Confindustria abbiamo deciso di regalargli un verme  per denunciare un sistema del “gioco” profondamente malato, che distrugge le relazioni e degrada il territorio.
 
Contro l’azzardo, liberiamo l’immaginazione, riprendiamoci il gioco!

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Giugno 2013 12:01
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook