L'ITALIA CHE CAMBIA, IN PEGGIO

http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2009/05/14/l-italia-che-cambia-in-peggio


 

http://speculummaius.files.wordpress.com/2008/06/immigrati.jpg

Due documenti che cambiano l'italia (in peggio) e che bisogna conoscere.

Il Pacchetto sicurezza così come esce dall'iter delle commissioni, dopo lunga discussione e un taglia e cuci che ha eliminato alcune cose (l'art. 60 sulla istigazione e apologia in rete è stato soppresso per merito della rete e di un emendamento a cura del deputato Cassinelli. fuori dal pacchetto sicurezza c'e' inoltre - a parte che l'opposizione al ddl carlucci - chi sta combattendo una fondamentale battaglia contro la possibilità che telecom possa rilasciare accesso a internet a pacchetti invece che per intero), ne ha lievemente modificato altre e ha lasciato un insieme di norme che legittimano fanatici razzisti e moralizzatori dei costumi (quelli altrui) a pattugliare le strade, condannano i migranti, grandi e piccini, all'invisibilità, norme che criminalizzano la razza, il colore della pelle, e condannano ogni atto di dissenso (viene reintrodotta l'offesa a pubblico ufficiale) rivelando una vocazione persecutoria nei confronti di ogni opposizione civile e facendosi scudo del potere di controllo che la stessa richiesta di sicurezza (tramite telecamere, controllo preventivo su internet e schedature di massa) autorizza.

--->>>Trovate l'intero documento, con a sinistra il testo approvato in febbraio e a destra le successive modificazioni, QUI.

Il libro bianco sul futuro modello sociale progettato dal ministro Sacconi, con contorno della vice Roccella e tutto il cucuzzaro. Merita una lettura perchè sacconi progetta il modello di welfare, parla di tutto, si concentra sulla famiglia che diventa ancora più un ammortizzatore sociale, descrive uno smantellamento della sanità pubblica e auspica quella privata, parla di disoccupati come fossero noccioline senza immaginare ammortizzatori sociali differenti dalla succitata famigghia, parla di ambiente come sacrificabile ai ricatti di delocalizzazione delle avide imprese (prospettata come unica soluzione alla crisi), di controllo del privato dei cittadini, delle nostre abitudini, dei nostri modelli di riferimento, compresi quelli sessuali, del tipo di famiglia da autorizzare e supportare (tutto finto perchè il supporto è delegato al lavoro delle donne) e della natalità di razza "italiana" da promuovere per contrastare il sorpasso da parte di altre culture (la stessa cosa che dice casini, per capirci). Tutto in nome della crisi.

Il libro parla molto di donne, di come aiutarci a "restare" a casa a fare figli, di come "aiutarci" a sostenere i ruoli di cura che lo stato ci affida - cazzarola che novità - e di come diventare "perno" della rinascita economica italiana con spirito patriottico e senso del dovere. Tutto ciò per la gloria dato che nessun@ ci riconosce un euro e che le pensioni saranno spostate a tarda età quando già defunte dalla stanchezza non potremo neanche più fruirne. Tutto ciò pare una cosa nuova ma in realtà è già sentita. La raccontava Mussolini, quello che al pari del nostro presidente del consiglio, non nascondeva il suo libertinaggio e che rinchiudeva in manicomio una moglie per liberarsene. Il libro bianco dice un sacco di cose interessanti che saranno attuate in maniera strisciante, senza che nessuno se ne accorga. Se l'italia diverrà quello che sacconi & company prospettano non ci resta che emigrare in spagna (da poco approvata la civilissima norma che consente la vendita della pillola del giorno dopo anche alle minorenni per prevenire gli aborti).

--->>>Trovate il capolavoro a cura del ministero del lavoro, salute e politiche sociali QUI.

E' l'italia nella quale viviamo e nella quale ci ritroveremo a vivere. Una nazione con una scuola che si privatizza e che non lascia accesso al merito (che gran fesseria!) ma a chi può pagare più tasse e può sostenere le spese degli studi. Un modello scolastico che somiglia tanto a quello della cepu, che non costruirà cultura e che ha totalmente abdicato il ruolo "educativo" alla televisione con le conseguenze che tutt* conosciamo.

E' una italia mediocre, che continua a guardare al passato e che spaccia per "innovazione" la misoginia, i personalismi di Brunetta e la depenalizzazione delle responsabilità relative la sicurezza sul lavoro per imprese che vengono assolte a prescindere dalla quantità di morti che hanno sulla coscienza.

E' una italia che tace sulle tante donne che ogni  giorno vengono picchiate, uccise, stuprate, in famiglia, sulla pedofilia che viene dai contesti "sicuri" (casa, famiglia, chiesa, scuola), sui ricatti perennemente inflitti ai tanti e alle tante precari@ senza futuro.

E' una italia estremamente povera che perde tempo e si lascia incantare nell'adorazione di un uomo, all'estero definito già come "il nuovo duce d'europa" o come "Io, il supremo", che regala collane e orologi d'oro ad amici e conoscenti mentre delega uomini di fiducia a gestire centinaia di milioni di euro speculando con finte promesse su una tragedia come il terremoto, sfugge a processi cancellati dalla legge lodo-alfano e assolve il falso in bilancio che è responsabile di un pezzo importante della crisi economica.

E' una italia sganciata dal mondo, avvisata dal consiglio d'europa, ora denigrata persino dall'Onu. Una italia non libera, assai miserabile nei valori di disumanità che promuove, ipocrita, profondamente maschilista. E' una italia fascista.

Noi non saremo complici di questo scempio.

Come dice uno slogan: immigrati per favore non lasciateci soli con gli italiani

Altro in questa categoria: Mio nonno, orco della Torino bene »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook