×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

You Are You, un progetto fotografico per i ragazzini transgender

Letto 1568 volte

Un altro genere di comunicazione
21 05 2014

Ci sono posti dove i sogni diventano realtà. La fotografa Lindsay Morris ha deciso di riprendere questo luogo, un Camp dove i bambini tra i 5 e i 12 anni, la cui identità di genere non corrisponde con il genere biologico, possono fare ciò che più gli piace senza essere insultati e senza essere vittime di bullismo. “You Are You”, il nome di questa raccolta che si può trovare sul sito della fotografa.

La didascalia che si presenta con le foto è la seguente:

Questo progetto documenta le esperienze di bambini dal genere non-conforme o transgender durante un weekend nel camp. Il Camp You Are You (il cui nome è stato cambiato per proteggere la privacy dei partecipanti) offre un rifugio sicuro dove i ragazzini dal genere fluido posso esprimere liberamente la loro interpretazione di femminilità insieme ai loro genitori, fratelli e sorelle. Queste immagini rappresentano lo spirito dei bambini felici in un ambiente accogliente. Qui possono seguire la loro natura senza la sensazione di doversi guardare alle spalle.
La fotografa ha fatto partire una raccolta fondi su Kickstarter per poter pubblicare un libro con la storia di questi bambini e le loro foto. Il suo obbiettivo iniziale di 35 mila dollari è stato ampiamente sorpassato, alla chiusura della raccolta è riuscita a superare i 41mila dollari. I soldi restanti serviranno per un’esposizione itinerante.

Durante l’intervista rilasciata all’Huffington Post Lindsay ha affermato:

Spero che questo progetto dimostri come queste persone siano uguali a tutti gli altri, ai genitori che li sostengono. Che tutti i bambini, indipendentemente da come si indentificano, non devono solo essere accettati, ma celebrati, modo da poter vivere una vita lunga, felice e appagante.
Ora la domanda è questa: a quando il primo Camp You Are You in Italia?

Altro in questa categoria: Cacciatori a caccia di foto perdute »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook