Quei 50 studenti rapiti e uccisi perché si opponevano ai narcos

Questa non è una faida tra cosche. A Iguala il massacro è stato perpetrato dal patto di affari che mette insieme autorità e trafficanti. Compatti nel togliere le vite a chiunque osi protestare. E' quello che volevano fare il 26 settembre gli studenti di un istituto dove si formano gli insegnanti.
Guido Olimpo, Corriere della Sera ...
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook