×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Minigonna? Te la sei cercata

Letto 2598 volte

Pagina 99
28 11 2014

La polizia ungherese diffonde un video per la prevenzione degli stupri, ma il messaggio è rivolto alle ragazze che flirtano con i maschi

Se ti vesti scollata provochi e poi è colpa tua. Non c'è altro modo per sintetizzare il messaggio che la polizia ungherese ha fatto circolare per la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne dal titolo Selfie. Tre ragazze si incontrano, si vestono con la minigonna, ammiccano, escono, bevono e poi, una di loro, finisce stuprata fuori dalla discoteca. La scritta finale recita: "Puoi farci qualcosa, puoi fare qualcosa per evitarlo". Cosa? Probabilmente restartene a casa. Il video è stato distribuito alle scuole, che dovrebbero usarlo per far discutere i ragazzi.

Un messaggio simile è venuto dalla polizia locale di Vas che in un comunicato ufficiale spiega che "le donne giovani che flirtano possono incitare alla violenza". Le associazioni ungheresi di donne si sono scagliate contro questa idea della prevenzione della violenza che attribuisce alle donne una parte della colpa, "se la prendano con chi violenta, non con le vittime".

Non sarà un caso se da quando la destra di Orban è giunta al potere nel paese tutti gli indicatori relativi alla parità di genere sono in discesa: nel Gender Gap Index del World Economic Forum il paese è passato dal 55esimo posto del 2006 al 93esimo del 2014. la cosa più simile che viene in mente è il Processo per stupro del 1979, che trasmesso in Tv fece aprire gli occhi al paese. Il video ungherese qui sotto, un estratto da Processo per stupro in basso, l'arringa dell'avvocato che spiega perché le donne vengono stuprate comincia intorno al terzo minuto.

Altro in questa categoria: Disoccupati record, come 37 anni fa »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook