Ebola: dopo sei mesi in Guinea riaprono le scuole, un segnale positivo

Bambino che leggeCelin Camoin, Atlas
21 gennaio 2015

Dopo più di sei mesi di chiusura forzata a causa dell’epidemia di ebola, le scuole della Guinea hanno riaperto i battenti.
L’invito a riprendere le lezioni era stato lanciato dal ministero dell'Istruzione, incoraggiato dalla forte diminuzione dei contagi in atto in Guinea, dove il virus ha causato in un anno 1869 morti e colpito 2865 persone.

 

Secondo il sito d’informazione locale Aminata, la prima giornata di classe è stata segnata da un forte assenteismo, legato ai timori di possibili contagi, ma anche alle difficoltà economiche per le famiglie che si sono moltiplicate negli ultimi mesi a causa di ebola.

Secondo il ministro dell’Istruzione, Ibrahima Kourouma, la riapertura delle scuole è comunque un’ottima notizia che riporta fiducia e orgoglio nel paese.

Le autorità di Conakry continuano ad adoperare provvedimenti per bloccare la diffusione dell’epidemia, tra cui il piano « zero ebola a Conakry in 60 giorni», la formazione del personale sanitario e la sensibilizzazione della popolazione. Nelle scuole, è obbligatorio il lavaggio delle mani e la misurazione della febbre

Altro in questa categoria: Diversities@Work »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook