John Nash guai a chiamarlo Beautiful Mind

Nato a Bluefleld in Virginia nel 1928, come Einstein e altri futuri geni Nash fu un bambino introverso, scontroso, solitario. Evitava i compagni di scuola. Il padre, texano, incoraggiava questi atteggiamenti regalandogli libri scientifici. Al liceo incominciarono a emergere le sue doti, vinse borse di studio, studiò ingegneria chimica e elettrica, lavorò brevemente in un'azienda energetica e si dedicò alla sua vera vocazione, la matematica.
Piero Bianucci, La Stampa ...

Altro in questa categoria: Ragazzi, è festa per chi legge! »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook