×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 553

Afghanistan: funzionario delle Nazioni Unite esprime profonda preoccupazione a seguito di un report che documenta il peso del conflitto sui bambini

Letto 2374 volte
Etichettato sotto

Osservatorio Afghanistan
01 07 2015

“Questi numeri tragicamente elevati di vittime mostrano che i bambini stanno sopportando il peso del conflitto, e purtroppo questa tendenza continua con il deterioramento delle condizioni di sicurezza nel 2015″.

L’anno scorso ha visto più bambini uccisi o mutilati in Afghanistan dall’avvio del monitoraggio di tali statistiche nel 2007. “I bambini stanno sopportando il peso del conflitto” secondo l’ultimo rapporto del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon.
“L’uccisione e la mutilazione di bambini con l’uso indiscriminato di IED [ordigni esplosivi improvvisati] in aree popolate, e l’uso di bambini come attentatori suicidi, possono solo essere condannati come flagranti violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario”, ha detto Leila Zerrougui, Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per i bambini ei conflitti armati.

Il rapporto di 18 pagine, pubblicato Giovedi, dice che 2.302 bambini sono stati uccisi, e 5047 feriti per tutto il periodo di riferimento dal 1 ° settembre 2010 al 31 dicembre 2014. Di questo totale, 2.502 bambini sono stati uccisi o feriti nel solo 2014 – rendendo quell’anno il peggiore per quando il monitoraggio ha avuto inizio nel luglio 2007.
“Questi numeri tragicamente elevate di vittime mostrano che i bambini stanno sopportando il peso del conflitto, e purtroppo questa tendenza continua con il deterioramento delle condizioni di sicurezza nel 2015″, ha detto la signora Zerrougui in un comunicato stampa in merito alla relazione. Ha inoltre messo in evidenza la seria preoccupazione per quello che viene definita “impunità diffusa per le gravi violazioni contro i bambini da parte delle forze di sicurezza del governo, tra cui nei confronti dei bambini in stato di detenzione per presunta associazione con gruppi armati.”

Ha dichiarato che “questi bambini sono in primo luogo le vittime, e dovrebbero essere trattati come tali”. Nonostante il difficile contesto di sicurezza, la relazione sottolinea il “progresso encomiabile” che il governo afghano e le sue forze di sicurezza nazionali hanno fatto per porre fine e prevenire il reclutamento e l’impiego di bambini – dopo la firma di un piano d’azione e la creazione di una road map che specifica i passi per raggiungere tale obiettivo.

Il rapporto osserva che un decreto del governo criminalizza il reclutamento di minori da parte delle forze afghane di sicurezza nazionale è in vigore dal febbraio 2015, e “si trova al centro di tutti gli sforzi per assicurare la responsabilità e prevenire il reclutamento e l’impiego di bambini da parte sia del governo che dei gruppi armati”.
“Non vedo l’ora di lavorare con il governo dell’Afghanistan ancora più intensamente nei prossimi mesi, mentre ci muoviamo verso la piena applicazione del piano d’azione del paese per porre fine al reclutamento e all’impiego di bambini”, ha detto la signora Zerrougui.
La relazione chiede il sostegno dei donatori, compreso il finanziamento sostenibile per l’attuazione “tempestiva ed efficace” del piano d’azione in linea con l’obiettivo “Bambini, non soldati” della campagna per porre fine al reclutamento e impiego di bambini nelle forze governative entro il 2016.
Il rapporto di 18 pagine, mette in evidenza la situazione dei bambini coinvolti nei conflitti armati in Afghanistan e presenta le informazioni raccolte dalla task force di monitoraggio e comunicazione dalle Nazioni Unite. Esso comprende il monitoraggio delle sei gravi violazioni che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha identificato nel coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati.

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook