LIFTING VAGINALE. ALLARME DEGLI ESPERTI: NON E' ESENTE DA PERICOLI

la stampa.it
12 11 09
Il ritocco delle parti intime è di moda, ma i rischi sono in agguato
Il boom di ritocchi alla vagina mette in allarme gli esperti: molti interventi potrebbero essere a rischio.
«Affrontare le insicurezze con la chirurgia non è la soluzione ideale, la consulenza e il sostegno potrebbero in alcuni casi funzionare meglio» avvertono la ginecologa dr.ssa Sarah Creighton e la psicologa Lih Mei Liao.

Il caso è scoppiato a seguito di uno studio condotto da un gruppo di scienziati britannici dell'University College London (UCL), così come riportato dalla BBC, per i quali la mancanza d'informazioni sui rischi legati alla chirurgia negli interventi di labioplastica dovrebbe far riflettere prima di decidere di sottoporsi a intervento per motivi futili o per una questione di moda.
Proprio perché mancano dati certi sugli effetti a lungo termine di questi interventi molte donne che si sono fatte ritoccare la vagina potrebbero essere oggetto di effetti collaterali indesiderati non ben definiti e potenzialmente pericolosi.
Dall'analisi condotta dagli esperti si è aperto un dibattito tra chi sostiene – come il chirurgo plastico dr.ssa Angelica Kavouni - che questo tipo d'intervento, se eseguito correttamente, non espone a rischi; e chi sostiene la necessità di «fornire informazioni affidabili sui rischi e sui benefici degli interventi di labioplastica e su eventuali soluzioni alternative, al fine di consentire alle donne di scegliere in modo consapevole» come il prof. Philip Steer redattore capo del British Journal of Obstetrics and Gynaecology (BJOG) sulle cui pagine è stato pubblicato il report.

Molto di moda negli States, la labioplastica ha raccolto seguaci nel mondo dello spettacolo e tra le donne in carriera, ma anche tra la gente "comune" che vuole rifarsi un'immagine dopo un divorzio, uno o più parti o perché si vergogna dell'aspetto della propria vagina.
In Italia ci sono cliniche del Sud che eseguono un intervento al mese il cui costo si aggira a 4.500 euro o più. La durata dell'intervento è di circa un'ora.
Secondo la dr.ssa Creighton «Invece di porre fine ai problemi sessuali, la chirurgia può aggravare le tensioni danneggiando i nervi della zona, tale da ledere la sensibilità e la soddisfazione sessuale».
Per contro la dr.ssa Kavouni sostiene che sia sbagliato terrorizzare le pazienti.
Infine, Douglas McGeorge, ex-presidente della British Association of Aesthetic Plastic Surgeons, ha affermato che si è fatto troppo rumore per una operazione relativamente minore. «Sono andati un po' troppo sopra le righe. Essenzialmente questa è solo una rimozione di un po' di carne rilassata, lasciando visivamente eleganti labbra con cicatrici minime. La procedura non interferisce con la funzione sessuale» aggiunge McGeorge, il quale poi ammette che «Le donne vogliono questo per una serie di motivi: per esempio, alcune provano a disagio ad andare in bicicletta, ma per la maggior parte è una questione estetica, è vero».
Angelica Kavouni conclude dicendo: «Ho visto donne che ho mandato via perché non credo che avessero un problema, ma per le donne con ipertrofia gravi - quando il tessuto è scuro e pende - vi è un modo semplice per farvi fronte. Il feedback che ricevo è davvero molto positivo».
(lm&sdp)

Source: la ricerca è stata pubblicata sul British Journal of Obstetrics and Gynaecology.

 

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/Benessere/grubrica.asp?ID_blog=26&ID_articolo=1352&ID_sezione=31&sezione=Benessere%20-%20Wellness

Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook