Siria, l’Is rapisce 1.200 bambini a Mosul

Persone e dignità
22 06 2015

La denuncia viene dal portavoce del Kurdistan Democratic Party, Said Mimousini: ”A Mosul i jihadisti hanno rapito 1.227 bambini e li hanno portati al campo di al-Salamiya per essere addestrati”. Giovedì 18 giugno il Consiglio di Sicurezza dell’Onu aveva approvato una risoluzione per stigmatizzare la crescita dei rapimenti di minori durante i conflitti armati. Secondo alcune testimonianze, mai
confermate, nel campo l’Is avrebbe creato un vero e proprio dipartimento per addestrare i minori di 18 anni, sia al combattimento che agli attacchi suicidi. (Nella foto alcuni piccoli profughi nel campo di Akcakale, nella provincia di Sanliurfa).

Intanto a Palmira i militanti dello Stato islamico hanno piazzato delle mine nelle rovine millenarie dell’antica Palmira, nel cuore della Siria. Lo ha riferito domenica 21 giugno l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Non è tuttavia chiaro se l’intenzione dei terroristi sia quella di scoraggiare l’avanzata delle forze governative oppure di distruggere il sito archeologico, come già accaduto in Iraq. “Numerosi ordigni sono stati piazzati intorno all’anfiteatro romano”, ha detto il responsabile dell’Osservatorio, Rami Abdulrahman. Un mese fa l’Isis aveva rivendicato l’esplosione della prigione militare di Palmira, avvenuta pochi giorni dopo la presa della città patrimonio dell’Unesco, che si trova nella provincia di Homs.

L’Ong riferisce poi di bombardamenti dei caccia di Damasco sulla città, che hanno causato vittime, e violenti combattimenti a al-Baiarat al-Gharbia.

Un nuovo allarme è stato lanciato per la sorte dei minori nei distretti nepalesi più colpiti dai due terremoti principali del 25 aprile e del 12 maggio che hanno provocato 8.800 morti e 21mila feriti. Nel caos post sisma, tanti bambini e adolescenti rischiano di diventare facile preda dei "mercanti di esseri umani" che alimentano il flusso annuale, soprattutto verso la confinante India.
Stefano Vecchia, Avvenire ...

Circomondo. Vite in bilico

Tre giorni di arte circense e incontri, per accendere i riflettori sui bambini di strada e sul disagio giovanile, E' l'obbiettivo di Circomondo, il festival internazionale del circo sociale che si svolgerà a San Gimignano, in provincia di Siena, dal 26 al 28 giugno. Una palestra concreta e simbolica per venti bambini di strada provenienti dalle favelas di Rio de Janeiro, da un campo profughi palestinese a Beirut e da zone e quartieri socialmente a rischio di Kabul, Valencia, Nairobi, Roma e Napoli.
Geraldina Colotti, Il Manifesto ...

"Ragazzi, lottate per la libertà di parola"

Ragazzi letturaVorrei condividere con voi qualche riflessione sulla libertà di parola (e libertà di parola qui include la scrittura e la lettura, l'ascolto e il pensiero): la libertà di parola, la linfa vitale dell'esistenza, la condizione essenziale dell'educazione umanistica che avete appena ricevuto.
Ian McEwan, La Repubblica ...
L'ex attaccante francese, la Juventus e le sue vecchie glorie impegnati nella Repubblica Centrafricana e in Mali con l'Unesco, in un progetto per il recupero delle giovani vittime della violenza. "Il pallone è come un grande tamburo e se lo usi per una giusta causa, si sente in tutto il mondo".
Maurizio Crosetti, La Repubblica ...

facebook