×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Il Fatto Quotidiano
18 12 2012

Gli ultras della squadra russa di proprietà del colosso Gazprom hanno diramato un comunicato dai toni discriminatori e xenofobi con l'obiettivo di mantenere "l'identità nazionale" del club. Dalla società nessun commento. L'unico a parlare è il tecnico Spalletti: "Serve tolleranza"

di Luca Pisapia

Non vogliamo né giocatori di colore né omosessuali in squadra, nel nome della purezza della razza. Firmato Landscrona. Il gruppo di tifosi più numeroso e importante dello Zenit di San Pietroburgo ha pubblicato lunedì sul proprio sito un agghiacciante comunicato, denominato ‘Selection 12 Manifesto’ nel quale è scritto: “Non siamo razzisti, ma vediamo l’assenza di giocatori neri nella nostra squadra come il perpetuarsi di un’importante tradizione dello Zenit. In questo modo si permette allo Zenit di mantenere l’identità nazionale della squadra, che è il simbolo di San Pietroburgo”. Il comunicato prosegue poi così: “Vogliamo soltanto calciatori provenienti dai paesi nostri fratelli, come Ucraina, Bielorussia, le repubbliche baltiche e la Scandinavia. Noi abbiamo la stessa mentalità e lo stesso background storico e culturale di queste nazioni”.
Questo delirio nazista ben rappresenta l’anima di una tifoseria – e forse di una città – dove le ideologie nazionaliste di estrema destra sono assai diffuse. Lo Zenit è infatti, non a caso, l’unica grande squadra russa dove non hanno mai militato giocatori africani. E molti giocatori di colore, tra cui il centrocampista francese M’Vila, hanno raccontato di aver rifiutato il trasferimento allo Zenit dopo avere ricevuto minacce di morte. Lo stesso Hulk, poderoso centravanti brasiliano mulatto acquistato in autunno dal Porto, non ha avuto vita facile a San Pietroburgo. Non solo è entrato nel mirino dei tifosi, ma addirittura il capitano della squadra e della nazionale russa Denisov si è rifiutato di scendere in campo se il suo contratto non fosse stato adeguato economicamente a quello del nuovo acquisto.
Per la gioia dei tifosi dello Zenit, che alcuni anni fa si sono presentati a una partita di coppa contro il multietnico Marsiglia indossando i cappucci del Ku Klux Klan, ricevendo in cambio gli applausi dello stadio e una multa di 40mila euro dalla Uefa al club. E l’ostracismo della tifoseria non si limita solo all’etnia, investe anche la sfera dei gusti sessuali. “Non volgiamo esponenti di minoranze sessuali in squadra” scrivono infatti quelli di Landscrona, ben sapendo di potere contare sull’appoggio e sulla protezione delle autorità locali. Lo scorso luglio il Gay Pride che avrebbe dovuto tenersi nel parco Polyustrovsky è stato infatti vietato dal governatore, che ha utilizzato una legge locale approvata il primo di aprile volta a “proteggere la cittadinanza contro la propaganda destinata a promuovere comportamenti omosessuali tra i minori”.
L’omofobia e il razzismo diffusi a San Pietroburgo trovano il loro naturale sfogo tra i tifosi dello Zenit: una squadra non certo di secondo piano, visto che è di proprietà della Gazprom. Ma né dalla dirigenza del club, né dal colosso dell’estrazione di gas naturale è arrivata alcuna condanna ufficiale del vergognoso comunicato. Anzi, l’addetto stampa ha annunciato che la società non avrebbe rilasciato commenti in merito alla questione. Insieme a qualche ex giocatore, l’unico che ha avuto il coraggio di ribellarsi è stato il tecnico Spalletti, che ha dichiarato: “La tolleranza è la capacità di comprendere e accettare la diversità. Essere tollerante significa anche lottare contro ogni forma di stupidita”. Sperando che non rimangano parole isolate, destinate a perdersi nell’odio che monta lungo la Prospettiva Nevskij.

Roberto Malini, Gruppo EveryOne

15 dicembre 2012

Nel messaggio della Chiesa in occasione della Giornata Mondiale della Pace, Papa Benedetto XVI si è espresso con parole discriminatorie nei confronti della comunità gay, affermando che...
Si apre la campagna elettorale e, puntuale, arriva l'intervento del Vaticano a chiarire da che parte stare, ribadendo i "principi non negoziabili" a cui i politici devono attenersi. 
Leggi

Uruguay approva alla Camera il matrimonio omosessuale

  • Mercoledì, 12 Dicembre 2012 13:39 ,
  • Pubblicato in Flash news
Pubblico
12 12 2012

La Camera dei deputati dell’Uruguay ha approvato oggi a larga maggioranza il matrimonio tra omosessuali. Dopo otto ore di dibattito, la legge ha ottenuto il voto favorevole di 81 degli 87 deputati presenti, salutato da un lungo applauso dei circa 200 attivisti presenti in aula. La norma dovrà ora essere approvata dal Senato.

Presentato dal partito di sinistra Frente Amplio, del Presidente Jose Mujica, il progetto di legge punta a modificare il codice civile in modo che “eterosessuali, omosessuali, lesbiche e transessuali possano avere un matrimonio monogamico”, sottolineando “la trasformazione della famiglia come istituzione”.

“Questa non è una legge sul mattrimonio omosessuale o gay – ha detto Julio Bango, uno dei relatori della legge – è una misura per equiparare l’istituzione del matrimonio a prescindere dal sesso della coppia”.

Negli ultimi sei anni, il piccolo Stato dell’America Latina ha già approvato le unioni civili, l’adozione per le coppie omosessuali, il cambio di sesso a 18 anni e la presenza degli omosessuali nelle forze armate. In America Latina, il matrimonio tra omosessuali è già legale in Messico, dal 2009, e in Argentina, dal 2010.
Il governo britannico ha infatti deciso di legiferare a favore del matrimonio fra persone dello stesso sesso, ma allo stesso tempo ha preferito renderlo "illegale" fra le quattro mura della Church of England, la chiesa di Stato di sua maestà.
Leggi

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)