×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Oltre l'ideologia

Oltre l'ideologiaDue storie di Gerusalemme: decidete voi se collegarle o no. La dottoressa più impegnata del quartiere di Beit Hakerem, a Gerusalemme Ovest, è un'israeliana d'origine palestinese. Ha moltissimi pazienti, tutti ebrei israeliani, vista la composizione sociale del quartiere. Il suo tirocinante è un ebreo osservante che indossa la kippah. Com'è giusto che sia, tra loro ci sono ottimi rapporti professionali.
Amina Hass, Internazionale ...

Atlas
18 12 2014

Sette persone sono state arrestate tra Spagna e Marocco nell’ambito di un’operazione che ha portato allo smantellamento di una rete di reclutatori di donne che si aggregavano allo Stato islamico in Siria e Iraq.

Quattro arresti sono stati effettuati nelle enclave spagnole in Africa di Ceuta e Melilla, un arresto è avvenuto a Barcellona, gli ultimi due a Castillejos, località marocchina nei pressi di Ceuta.

Secondo stime correnti, un centinaio di islamisti ha lasciato la spagna per arruolarsi nelle fila dello Stato islamico; sono almeno 2000 invece i marocchini recatisi in Siria e Iraq per unirsi ai combattimenti.

il Venerdì - la Repubblica
12 12 2014

Nei libri di storia della nuova Turchia gli armeni sono traditori e assassini e a dieci anni le bambine possono finalmente studiarne le gesta infami con la testa avvolta in un velo. Cominciato insieme alla prima presidenza della Repubblica di Tayyip Erdogan dopo undici anni alla guida del governo, ad Ankara l'anno scolastico non promette bene.

Tra furiose polemiche per l'approccio revisionista dei manuali di studio e regole d'abbigliamento che stravolgono i principi di laicità dell'istruzione turca, il nuovo capo dello Stato si è lanciato nell'ennesima crociata, forse quella decisiva: l'assolto alla scuola. ...

Berlino, cancellati i murales di Blu a Cuvrystrasse, le foto

  • Venerdì, 12 Dicembre 2014 11:52 ,
  • Pubblicato in Flash news

Berlino Cacio e Pepe
12 12 2014

Due dei simboli di Berlino, ovvero la coppia di graffiti realizzata dallo street-artist italiano Blu sulle facciate di altrettanti palazzi su Cuvrystrasse, a Kreuzberg, sono stati cancellati nella notte tra giovedì 11 e venerdì 12 dicembre.

Brothers e Chain, questi i loro nomi, furono realizzati dall’artista marchigiano nel 2007 all’interno della grande manifestazione Planet Prozess. Brothers si avvalse anche dell’apporto dello street artist Jr che provvide ad inserire due paia di occhi all’interno delle mascherine dei due astronauti (occhi poi che, causa logoramento, sono stati eliminati dall’opera).

Perché sono stati tolti i murales di Blu? La ragione è che sull’area adiacente partiranno presto i lavori per la costruzione di un palazzo semi-residenziale da 250 appartamenti più un supermercato al piano terra. La storia è legata a doppio filo a quella del Camp-Cuvry sgomberato lo scorso settembre, anch’esso per ragioni di cementificazione. Della fine dei murales di Blu si sapeva da tempo.

L’investitore Artur Süsskind proprietario da anni dell’area costruirà molto vicino ai palazzi vicini e voleva ridipingerci sopra. Blu ha deciso di anticiparlo e decidere lui quando “cancellare” ricoprendo i murales di una vernice nera. È vero che la street art non è fatta per durare, ma ci si aspetta sempre che il buon senso in qualche modo abbia alla fine il sopravvento e che l’arte in qualche modo sopravviva.

Cuvystrasse stamattina © Denis Michelotti-Berlino Cacio e Pepe

Grecia – Manifestazione al centro per migranti di Paranesti

  • Venerdì, 12 Dicembre 2014 10:35 ,
  • Pubblicato in Flash news

Hurriya
12 12 2014

Traduzione dal sito dell’ "Assemblea No Lager" di Salonicco : nolager.espiv.net

Mai più campi di concentramento, nè qui nè altrove testo del volantino che sarà diffuso a Paranesti-Drama:

Le lotte dei migranti sono le nostre lotte!

I migranti resistono con lotte quotidiane, scioperi della fame, rivolte, evasioni, alla degradante realtà dei lager etnici, alla detenzione a tempo indeterminato, all’esclusione, alla tortura mentale e fisica, alle morti. E hanno tutto il diritto dalla loro parte.

In 15 moderni campi di concentramento, in altre strutture di detenzione e stazioni di polizia, da Amygdaleza a Evros, sono imprigionati in condizioni spaventose circa 10.000 migranti, molti dei quali da più di 18 mesi. L’unico crimine da loro commesso è aver cercato di fuggire da luoghi in cui il capitalismo è sinonimo di morte di massa, come ad esempio dalle guerre in Iraq e Afghanistan, che hanno visto la partecipazione attiva dello Stato e dell’esercito greco.

I lager etnici sono il destino che attende quei migranti che riescono a fuggire alle prime fasi della politica greca sull’immigrazione: le uccisioni alla frontiera, la caccia costante da parte della polizia, i pogrom dei fascisti, gli anni di estremo sfruttamento lavorativo da parte di piccoli e grandi padroni.

L’annuncio ufficiale e la successiva creazione di questi campi di detenzione, avvenuta nella primavera del 2012, è stata una scelta strategica dello stato greco durante la crisi, in modo da permettere al capitale di svalutare e disciplinare ancora di più la vita e il lavoro degli sfruttati, sia nativi che migranti. I lager moderni non sono apparsi all’improvviso. Sono stati preceduti dal delirio razzista dei media di stato, dei fascisti e dei cittadini “democratici” (su temi come “l’emergenza criminalità” e “l’emergenza virus”, la “purezza etnica”) che ha portato nel mese di agosto del 2012 all’operazione di polizia “Xenios Zeus” ad Atene: una mega-retata che ha visto il dispiegamento di 2000 poliziotti in città e l’arresto di 84.792 immigrati, 4.400 dei quali furono deportati nei centri di detenzione. I migranti irregolari continuano ad essere arrestati e deportati nei campi di tutta la Grecia, mentre la magistratura ha avallato la carcerazione a tempo indeterminato.

I migranti si oppongono a tutto questo attraverso le loro lotte. La più recente si è tenuta a Paranesti, nel nord est della Grecia. 75 migranti pachistani rinchiusi in quel campo (26 dei quali da più di 18 mesi) hanno portato avanti uno sciopero della fame dal 26 al 28 novembre, con l’unico obiettivo di ottenere il rilascio. Lo sciopero si è concluso con la promessa da parte del governatore di concedere l’asilo nei prossimi giorni. In questo campo di prigionia vivono circa 600 migranti, molti dei quali da più di 18 mesi. La nostra presenza davanti ad un lager etnico, per di più isolato come nel caso di Paranesti, è un atto di solidarietà con i migranti detenuti, in un contesto di rapporti di solidarietà che vogliamo sviluppare attraverso il supporto intra ed extramurale alla loro lotta per la libertà .

Da parte nostra abbiamo scelto di stare al fianco degli insorti nei campi di detenzione per immigrati, non solo per ragioni “umanitarie”, ma perché sono proprio come noi, perchè lo stesso sistema che li imprigiona cerca di sottomettere anche noi. E’ questa consapevolezza della comune oppressione che ci mette in connessione con i migranti e rafforza la nostra determinazione ad attaccare ciò che ci separa, che ci costringe a competere gli uni con gli altri, che ci divide e ci isola. Vogliamo sviluppare queste relazioni, ma nel contesto di una lotta contro le divisioni nazionali. Le rivolte dei prigionieri migranti, le evasioni e gli scioperi della fame nei centri di detenzione mostrano la dignità di chi sceglie di lottare. Non possiamo che essere dalla loro parte.

Solidarietà con i 65 migranti che si ribellano ad Amygdaleza!

Distruggere i campi di concentramento!

 

facebook