×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Impiccheranno Reyhaneh se non scagiona lo stupratore

Nel mondo islamico, il prezzo del sangue è la Diyya. Puoi perdonare, e il tuo perdono salverà la vita del condannato. È a queste disposizioni che si stanno appellando artisti iraniani mobilitati per salvare la vita di Reyhaneh Jabbari. Sette anni fa uccise un uomo che tentò di stuprarla.
Lanfranco Caminiti, Cronache del Garantista ...

Non vogliamo più bene a Siddharta

  • Venerdì, 03 Ottobre 2014 08:41 ,
  • Pubblicato in Flash news

Cronache del Garantista
03 10 2014

"Ricordiamo i nostri marò da tempo immemore prigionieri dei barbari indiani" (da uno status di "Salviamo i nostri Marò - Comunità Facebook").

Poi la notizia: un sindaco ed europarlamentare leghista ha stabilito che i cittadini indiani residenti a Borgosesia (Vercelli) non potranno accedere alle sovvenzioni comunali se non sottoscriveranno una dichiarazione di condanna dell'atteggiamento del Governo di Delhi sulla vicenda dei marò. ...

Sono 11 le vittime dei razzi "Uragan" con cui mercoledì le truppe ucraine avevano salutato l'inizio dell'anno scolastico a Donetsk. E ieri un cittadino svizzero di 38 anni, Laurent Etienn, operatore della Croce rossa, è rimasto ucciso per lo scoppio di un ordigno.
Fabrizio Poggi, Il Manifesto ...

Atlas
02 10 2014

La Casa Bianca ha annunciato questa settimana un piano per istituire un nuovo trattamento dei rifugiati in Honduras, El Salvador e Guatemala per evitare che i bambini non accompagnati cerchino di attraversare la frontiera tra Messico e Stati Uniti.

L’annuncio è stato fatto in un memorandum al Segretario di Stato degli Stati Uniti, John Kerry, il quale ha dichiarato che l’ammissione di un massimo di 70 mila rifugiati negli Usa nell’anno fiscale 2015 è giustificata da “preoccupazioni umanitarie”.

La questione in estate è stata più volte toccata dal presidente Barack Obama.

Secondo i promotori del piano, stabilire programmi per la richiesta dello status di rifugiato nei tre paesi dell’America Centrale è la soluzione per disattivare la crisi lungo la critica frontiera.

I 70 mila posti per rifugiati saranno assegnati a persone in situazioni che suscitano “preoccupazioni umanitarie specifiche”. Di questi, ha spiegato la Casa Bianca, 4 mila saranno assegnati in America Latina e Caraibi.

"Salviamo Reyhaneh". Al patibolo per essersi difesa

Un uomo violenta una giovane donna. Lei si difende con un coltello, lo ferisce a una spalla, fugge, lo stupratore muore in circostanze non chiare [...]. Lei viene condannata all'impiccagione.
Vanna Vannucci, la Repubblica 
...

facebook