×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

La nuova Italia nata dalla guerra civile

  • Mercoledì, 18 Febbraio 2015 10:16 ,
  • Pubblicato in Flash news
La Stampa
18 02 2015

La triplice vittoria della Resistenza in un inedito del '65. [...] Dobbiamo giudicare i risultati di un'azione dagli scopi che questa azione si era proposta. Poiché gli scopi del movimento di liberazione erano molteplici, dobbiamo giudicare i risultati della Resistenza tenendo conto di questi diversi piani su cui si dispose l'azione di coloro che vi parteciparono, cioè, ripeto, come guerra patriottica, come guerra per la libertà politica e come lotta per il rinnovamento sociale...
Norberto Bobbio

Corriere della Sera
13 02 2015

Lo scrivano, il lazzarone, il lustrascarpe sono termini che appartengono alla nostra memoria, figure ormai scomparse che molti di noi non hanno mai neanche sentito. Eppure fanno parte della nostra memoria al pari di re e presidenti, di quella storia della quotidianità che ha avuto un posto di rilievo nella storiografia ufficiale solo grazie a fotografi, pittori e scrittori illuminati.

Tra essi emergono i fratelli Alinari, Giacomo Brogi, Giorgio Sommer ma anche Robert Rive, Giorgio Conrad e Gustave Emile Chauffourier, fotografi che a cavallo tra Ottocento e Novecento hanno viaggiato nel nostro Paese per cogliere l’essenza quotidiana di un’Italia appena nata e mai impressa prima su pellicola.

Ecco quindi che il maccheronaio, la pastiera, il carretto siciliano e il mercato del tonno di Palermo si trasformano da oggetti in soggetti e posti al centro di ritratti che oggi riemergono grazie al web.

Da oggi infatti parte dell’Archivio Alinari è entrato all’interno del Google Cultural Institute, la piattaforma tecnologica sviluppata da Big G per promuovere e preservare la cultura online. Primo passo dell’accordo è la mostra digitale «Antichi mestieri e costumi d’Italia fotografati tra il 1860 e il 1900», un repertorio di 50 scatti di cui il Corriere della Sera pubblica in esclusiva le prime quindici foto. Un viaggio nel tempo per ricordare, sorridere e conoscere un mondo che non c’è più. Il nostro.

Alessio Lana

Mio fratello Beppe esiliato in casa

Tra affetto e nostalgia, la sorella dello scrittore rievoca gli scontri tra l'autore del Partigiano Johnny. [...] Ho visto Beppe avviarsi sulla via faticosa dello scrivere. Infinita lontananza. [...] Dopoguerra, anni drammatici. In casa nostra soffiava un vento avverso, per l'incombere di una precarietà economica [...], per un'ansia generale...
Marisa Fenoglio, La Stampa ...

Rosa Parks così nasce l'eroina dell'orgoglio nero

"Sono stata strattonata per tutta la vita, e a questo punto non potevo più sopportare". [...] In una raccolta di carte inedite la presa di coscienza della sartina che nel 1955 accese la scintilla del movimento per i diritti civili negli Stati Uniti. Sono parole che sembrano anticipare i problemi e il clima che abbiamo rivisto l'estate scorsa a Ferguson, dopo la morte di Mike Brown per mano di un poliziotto bianco.
Paolo Mastrorilli, La Stampa ...

Modernità di uno sterminio

La "modernità dell'Olocausto", con la sua burocrazia, i trasporti, le camere a gas, simili al funzionamento di una fabbrica della morte. [...] Quel che rende unica la Shoah è dunque davvero la sua modernità, il suo essere basata su una divisione tayloristica del lavoro di morte? Si domanda Engel.
Anna Foa, L'Osservatore Romano ...

facebook