Flora, alla gogna di Twitter per un biglietto omaggio

  • Mercoledì, 09 Gennaio 2013 11:15 ,
  • Pubblicato in Flash news
La Repubblica
09 01 2013

Flora, diciassette anni, massacrata di insulti su Twitter per aver vinto un biglietto gratis per un concerto. Per essere stata fortunata. A novembre la ragazza ha vinto tre biglietti omaggio per partecipare al concerto dei One Direction, a New York. A dicembre è volata nella Grande Mela e ha anche avuto occasione di incontrare la sua band preferita dal vivo, il giorno dopo il concerto. Da quando hanno detto che il codice fortunato era proprio il suo, in diretta radio, su Twitter hanno iniziato a ricoprirla di insulti. "Devi morire". "Fai un aerosol con il gas". "Lavati con la benzina e asciugati con l’accendino".

A Novara, pochi giorni fa, una ragazzina di 14 anni si è buttata dalla finestra per colpa di Twitter, vittima del cyberbullismo. Flora resiste, regge l'urto, ma ammette: "Adesso paura ad andare ai concerti, mi minacciano e sono migliaia. Però so che sono solo ragazzine. Persone che non mi conoscono. È tutta invidia e rabbia”.

Il suo nome è un trend topic su twitter, uno dei temi caldi, quelli più seguiti. I suoi follower sono schizzati in pochi giorni da 200 a 12.500. Dodicimila lanciatori di offese. "Hanno detto che mio padre era ricchissimo, che era padrone della Kinder, che la lotteria era truccata, che avevo avuto una raccomandazione. Non è vero niente". E poi: "Qualcuno mi ha scritto che siccome non ho pianto e non gli sono saltata addosso quando li ho incontrati a New York non ero una vera fan, che non meritavo quel premio", racconta.

La guerra non sempre si esaurisce in rete. "In autobus un sacco di bambine mi fissano. L’altra sera passeggiavo per il centro e ho sentito una ragazza urlare "è Flora quella". Sta diventando una situazione molto pesante". Ha una domanda, per tutti: “Mi chiedo dove la prenda una ragazzina di 12 anni tutta questa rabbia".

 
di Valerio Bassan, Linkiesta
10 gennaio 2012

L'ondata di piena portata dalle rivolte del 2011 continua: in un anno sono tre milioni in più le ragazze arabe che si sono iscritte a Facebook. Mentre qualcuno storce il naso, una ricerca evidenzia come i social network stiano diventando uno strumento importante per le donne che, grazie al web, assaporano una nuova libertà. È un’illusione o qualcosa di duraturo?

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)