Questo carcere insensato non serve a nessuno

Pubblicato in Dossier
Letto 3438 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Lucia Castellano (Consigliere regione Lombardia)
carteBollate - ottobre 2013

È difficile commentare un pensiero così lucido e chiaro sul dramma della carcerazione.

Ancora una volta viene descritta, senza fare sconti, la rigidità e l'invasività dell'istituzione totale. l'invivibilità di giorni senza senso, che inflitta ai bambini diventa davvero un attentato alla loro infanzia e al loro futuro. Ma che, paradossalmente, viene attenuata dalla presenza dei bambini che "riuscivano a farti dimenticare dov'eri". Questo carcere insensato non serve a nessuno: non produce libertà, ma asservimento a regole ferree quanto prive di logica. Chi è in grado, come scrive l'autrice, di sopravvivere grazie a risorse personali, resta con la cicatrice addosso ma supera il dramma. Chi è più fragile resta intrappolato. C'è rimedio a tutto questo? Forse si.

Attraverso norme che eliminino definitivamente, per i bambini, la prospettiva del carcere. L'ultima legge, dell'agosto 2013, garantisce la detenzione domiciliare immediata alle donne con figli fino ai 10 anni. Sembra già un passo avanti. Ma insieme a nuove leggi deve farsi strada una nuova cultura: quella del consentire al prigioniero tutta la libertà possibile, compatibile con il muro di cinta. L'esatto contrario della prepotenza istituzionale così ben descritta nella lettera. Il carcere pensato dalle nostre leggi è quello in cui il potere assoluto si ritrae, nella relazione con l'utenza, fino al punto di consentire ai detenuti di continuare a essere padroni, se pur limitatamente, della pro¬pria giornata. A giocare questa partita sono, da sempre, chiamati tutti gli attori dell'esecuzione penale: i magistrati di sorveglianza, gli operatori penitenziari, i detenuti stessi, che devono prendere la responsabilità di passare da oggetto a soggetto di diritti.

Senza questo ribaltamento di prospettiva tutte le migliori leggi, come già accade, rimangono lettera morta. E il carcere resta, nei secoli, quello descritto dall'ex detenuta.
 
Ultima modifica il Mercoledì, 13 Novembre 2013 08:47
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook