La marcia dei diritti

La marcia dei diritti
Sabato 12 dicembre, ore 14.00
Piazza del Colosseo- Roma

I diritti sono tali soltanto se garantiscono eguali condizioni e pari opportunità a tutte e tutti.
Altrimenti si chiamano privilegi e alzano muri che ci dividono e ci imprigionano, invece di rispettare le nostre identità, le nostre differenze, le nostre scelte.

È un messaggio che sta già scritto nella nostra Costituzione, che emerge dalla storia e dalla scienza, che viene sancito dalle dichiarazioni dell'ONU e dell'Europa, che viene riaffermato dalle corti di tutto il mondo.
Ma è soprattutto la verità che scaturisce dalla plurale bellezza dei nostri vissuti, dalla profondità dei nostri amori, dai sogni negli occhi delle nostre figlie e dei nostri figli, dal coraggio e dalla responsabilità delle nostre famiglie.

Mettiamoci in marcia per liberare i diritti, presi in ostaggio dall'opportunismo di una politica che guarda a se stessa e chiude gli occhi sulla realtà.

Mettiamoci in marcia per liberare i diritti, presi in ostaggio dalle ideologie e dai fondamentalismi che escludono e giudicano, calpestando la laicità e la libertà.

Mettiamoci in marcia per liberare i diritti, presi in ostaggio dal maschilismo, dal sessismo e dall'omo-lesbo-transfobia che avvelenano la nostra società con l'odio, la menzogna, la violenza di genere, la discriminazione degli orientamenti e delle identità sessuali.

Ci mettiamo in marcia con le cittadine e i cittadini che come noi credono nella laicità e nella democrazia, perché nessuna ideologia può negare la libertà degli amori, dei corpi, della sessualità e delle identità.
Il 12 dicembre ci mettiamo in marcia per dimostrare che la società italiana ha già compiuto non uno ma molti passi e per sfidare il Governo a fare rapidamente quello che ha promesso, perché ciò che si discute ora nei palazzi non può che essere un punto di partenza per la piena eguaglianza.

È ora che la politica risponda con leggi che:

- Tutelino le persone lesbiche, gay e bisessuali nel loro diritto di esprimersi, di scegliere, di amare e di essere felici costruendo i propri progetti di vita alla luce del sole.
- Rispettino l'integrità dei corpi e delle identità delle persone transessuali e di quelle intersessuali.
- Realizzino tutti gli impegni per garantire pari diritti e dignità alle donne e agli uomini e per contrastare la violenza di genere.
- Riconoscano, in primo luogo con il matrimonio egualitario, le nostre famiglie nella pienezza dei diritti e dei doveri che le rendono protagoniste dello sviluppo del nostro tessuto sociale.
- Assicurino i diritti delle coppie eterosessuali non sposate.
- Proteggano le nostre figlie e i nostri figli garantendo il legame genitoriale con chi li ha desiderati, li cresce, li ama.
- Garantiscano un sistema di istruzione di qualità pubblico e laico, in grado di promuovere programmi educativi tali che il futuro di tutte e di tutti sia frutto della serena scoperta di sé e di libere scelte, non di imposizioni ideologiche e irrispettose delle differenze e dell'unicità delle singole persone.

Il 12 dicembre ci mettiamo in marcia, fianco a fianco, con i colori dell'arcobaleno. I nostri passi saranno scanditi dalle rivendicazioni di giustizia, eguaglianza e libertà dirette a chi ancora di passi non ha saputo e voluto compierne nessuno.

I diritti continuano a essere in ostaggio e il 12 dicembre ci mettiamo in marcia per liberarli!

Altro in questa categoria: 25 anni di guerre bastano »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook