×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

G8, la seviziatrice di Bolzaneto ora dà lezione di diritti

  • Giovedì, 16 Aprile 2015 09:01 ,
  • Pubblicato in REPUBBLICA

la Repubblica
16 04 2015

"Puzzate come cani" gridava 14 anni fa, ai ragazzi del G8, alla caserma di Bolzaneto. Sabato, alla Commenda, relazionerà al convegno “ La salute in carcere” che ha organizzato per la Asl3.

La dottoressa Zaccardi, condannata per gli abusi di Bolzaneto è relatrice ad un forum sulle carceri. Nel 2001 a una ragazza ferita e terrorizzata a cui veniva impedito di andare in bagno disse: “Puzzi come un cane.

È la parabola di Marilena Zaccardi, medico del carcere di Marassi, del penitenziario femminile di Pontedecimo, che ha legato il suo nome a quello del “medico in mimetica”, Giacomo Toccafondi, nella caserma di Bolzaneto trasformata in centro di torture e sevizie nel luglio 2001.

Sembra incredibile, ma invece è così: dopo la condanna della Corte europea dei diritti dell’uomo sul blitz alla scuola Diaz, "fu tortura". Dopo il putiferio sollevato dal post su Facebook del poliziotto del VII nucleo che fece l’irruzione alla Diaz, Fabio Tortosa ("io ero quella notte alla Diaz. Io ci entrerei mille e mille volte"). Un’azienda pubblica come la Asl non soltanto ha mantenuto al suo posto Marilena Zaccardi, ma le ha dato visibilità e riconosciuto rilievo professionale se è arrivata ad affidarle la curatela scientifica, insieme ad altri quattro colleghi, di un convegno dedicato alla salute in carcere.

Proprio lei che a Bolzaneto, secondo la sentenza della Corte d’Appello di Genova, dal 20 luglio al 22 luglio 2001, è stata accusata, di “aver consentito o effettuato controlli di triage e di visita sottoponendo le persone a trattamento inumano e in violazione della dignità”, “costringendo persone di sesso femminile a stazionare nude in presenza di uomini oltre il tempo necessario e quindi sottoponendole a umiliazione fisica e morale”. “Per aver ingiuriato le persone visitate con espressioni di disprezzo e di scherno”. “Per aver omesso o consentito l’omissione circa la visita di primo ingresso sull’individuazione di lesioni presenti sulle persone”. “Per aver omesso o consentito l’omissione di intervento sulle condizioni di sofferenza delle persone ristrette in condizioni di minorata difesa”.

Marilena Zaccardi, assolta in primo grado, è stata condannata in Appello per abuso d’ufficio pluriaggravato e ingiuria pluriaggravata . E le condanne della Corte d’Appello a carico dei cinque medici della caserma di Bolzaneto, oltre alla Zaccardi e Toccafondi anche Aldo Amenta, Adriana Mazzoleni e Sonia Sciandra, sono state confermate dalla sentenza di Cassazione, che nel 2013.

La dottoressa Zaccardi, però, così come Toccafondi, è stata salvata dalla prescrizione. Salvata, ma solo in campo penale, perchè sul piano civile è stata riconosciuta la sua responsabilità.

Michela Bompani e Marco Preve

Tortura: l'Aula approva con 14 anni di ritardo

Renzi tiene De Gennaro e spinge sul reato di tortura, e ottiene un risultato che fa ben sperare i tanti che aspettano da molti in Italia, soprattutto le vittime della macellerie del G8 e i familiari dei tanti casi Cucchi avvenuti. Attento com'è alla pancia del paese, dopo la notizia della sentenza della Corte di giustizia europea che ha definito tortura l'irruzione nella scuola Diaz durante il G8, Matteo Renzi prende nota delle difese di ufficio di tanti membri del suo partito e del suo governo nei confronti del capo di Finmeccanica e decide di puntare solo sull'introduzione del reato nell'ordinamento italiano.
Lorenzo Misuraca, Cronache del Garantista ...
Fu per durata e composizione forse il peggior ministero della Repubblica. Basti scorrere quei nomi, per farsene un'idea: Fini, Gasparri, Alemanno, Scajola, Tremonti, Martino, Stanca, Letta, Bonaiuti, Tremaglia, Prestigiacomo, Bossi, Maroni, Castelli, Matteoli, Buttiglione, Marzano, Moratti... Un vero museo degli orrori; o delle cere, a scelta.
Angelo D'Orsi, Il Fatto Quotidiano ...

Sentenza e sordità

  • Giovedì, 09 Aprile 2015 12:15 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Zeropregi, Il Manifesto
9 aprile 2015

La sen­tenza di Stra­sburgo su quello che accadde alla Scuola Diaz in quel 21 luglio del 2001 riporta di nuovo alle cro­na­che il G8 geno­vese. I media ci pro­pon­gono una divi­sione netta tra chi indi­gnato chiede che venga imme­dia­ta­mente appro­vata la legge sul reato di tor­tura e chi invece difende l’operato delle forze dell’ordine sem­pre e comunque.

Genova e Ustica: a volte c'è giustizia

Il peso della GiustiziaForse non è finita. Forse il Paese dove la verità viene sistematicamente annullata e piegata agli interessi del potere ha ancora qualche speranza. Ce lo dicono due sentenze arrivate da Tribunali diversi, vergate da giudici che parlano lingue inconciliabili ma che rispettano una Legge comune, quella del diritto alla giustizia. [...] La strage di Ustica e le violenze al G8 di Genova, due misteri italiani.
Enrico Fierro, Il Fatto Quotidiano ...

facebook