×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Perché è tornata a fare la farmacista? "Perché non mi sentivo più libera di fare il sindaco". Perché continua a vivere nella Lo cride? "Perché non saprei vivere altrove". Cos'è oggi la sua Calabria? "Una terra lunga lunga e vuota vuota dove i giovani se ne vanno perché la trovano ostile". E non solo loro. "Dal 2000 ci sono stati più di mille atti intimidatori contro amministratori locali calabresi". ...
Coppie così, in vita mia, ne ho viste poche. Perché qui si parlerà del prete novantenne e della viceprefetto che di anni ne ha la metà. Che fanno coppia fissa a Cuneo in nome della Resistenza. Lui perché è stato partigiano nei Volontari della libertà, lei perché figlia di un partigiano comunista morto pochi anni fa. ...
La Repubblica
28 07 2013

Finiti i termini della condanna decisa dal Tribunale di Sorveglianza. Ancora polemico il sindacato Coisp

di LUIGI SPEZIA

Lunedì tornano in libertà tre dei quattro agenti condannati dal Tribunale di Sorveglianza di Bologna a scontare in carcere o agli arresti domiciliari la pena residua di 6 mesi per la morte di Federico Aldrovandi nel 2005. Si tratta di Paolo Forlani, Monica Segatto e Luca Pollastri. Lo ricorda il sindacato Coisp che non manca di essere come sempre polemico sulla decisione dei giudici: "Domani sarà un giorno speciale anche perché registreremo il primo caso in Italia di condannati per mera colpa che scontano fino all'ultimo secondo della loro pena non in libertà. Finalmente la storia ha trovato qualcuno a cui far sentire tutta la severità della legge che diventa spietatezza: quando si deve rispondere all'onda emotiva che si leva dalla piazza ed alla voglia di vendetta di qualcuno che evidentemente conta più degli altri".
 
Lo dichiara Franco Maccari, segretario generale del Coisp, il sindacato minoritario di polizia che in passato si contraddistinse per aver manifestato contro il carcere sotto l'ufficio a Ferrara della madre di Federico, facendo intervenire duramente anche l'allora ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri.
Anche per il quarto condannato, Enzo Pontani, ai domiciliari come Segatto, presto scadrà il periodo di espiazione della pena, che lui ha cominciato a scontare più tardi per un rinvio delle decisioni. Il Tribunale di Sorveglianza presieduto da Francesco Maisto aveva deciso per il carcere e non per le misure alternative non solo a causa dell'estrema gravità del comportamentoi degli agenti, ma anche per la loro mancanza di ravvedimento.










I custodi della legalità e le logiche correntizie

Huffingtonpost
17 06 2013

Ho letto con interesse su Il Fatto quotidiano alcuni interventi di importanti magistrati che commentavano la possibile riforma del Csm che sarebbe il loro organo supremo di autogoverno, espressione dei sacri principi di autonomia ed indipendenza della magistratura.

Non capisco nulla dei termini di questa riforma che impegna le intelligenze dei magistrati più impegnati. Quel che sono sicura di aver capito è che si dà comunque per scontato il problema che alcune delibere del Csm, "soprattutto" in tema di designazione e nomina dei dirigenti degli uffici giudiziari, sarebbero state fonte di polemiche o critiche perché adottate sulla base di "logiche correntizie" e non, quindi, in base a criteri di rigorose trasparenza e meritocrazia.

Ma cosa sono, mi chiedo, le logiche correntizie? Sono per caso quelle relative all'appartenenza di questa o quella associazione?

Mi chiedo ancora: i dirigenti degli uffici giudiziari non sono per esempio i procuratori capo della repubblica, i presidenti dei tribunali, i procuratori generali, i presidenti di corte d'appello e così via?

Ma allora sono proprio coloro che sono chiamati ad essere custodi della legalità, uguale per tutti e senza sconti per nessuno.

Sono disorientata, lo ammetto.
Il piccolo è appena tornato dall'asilo nido. Non sarà facile, un giorno, spiegargli cosa è successo. Raccontargli che sua mamma è stata uccisa dal suo papà. E che il papà, dopo appena un anno, è stato mandato fuori dal carcere, perché un foglio, nel passaggio fra una cancelleria e l'altra, è andato perduto. ...

facebook