×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Open Polis
27 05 2015

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. E fra un legge approvata e la sua attuazione ce ne sta altrettanto. Ad oggi il Governo no fa chiarezza sullo stato dei Decreti attuativi, mostrando una timida trasparenza che però non risolve il problema.

Quando il Governo vara una riforma e questa viene poi votata dal Parlamento, sembra che i giochi siano fatti. Ecco perché, tra l’altro, si insiste così tanto sulla necessità di abolire il bicameralismo e riformare il Senato, in modo da ridurre i tempi e rendere l’azione del Governo più efficace, la cosiddetta governabilità. Ma non è proprio così.

Fatta la legge e pubblicata in Gazzetta, comincia in verità un’altra storia, meno nota ma non meno importante: quella in cui le decisioni devono essere attuate. Nella grande parte dei casi le norme approvate dal legislatore – norme primarie – sono, infatti, norme generali che, per poter produrre effetti nella realtà, hanno bisogno di norme più particolari – norme secondarie – di competenza dei Ministeri.

Senza queste disposizioni amministrative le leggi e le riforme sebbene proclamate entrano in realtà nel limbo dove possono restare sospese per anni e dal quale in alcuni casi non escono più. La legge senza il decreto ministeriale che le da attuazione è un’arma spuntata, non produce effetti (ad oggi sono circa 300 i provvedimenti che devono ancora essere adottati per attuare norme che risalgono ai governi Letta e Monti).

Tecnicamente si chiama attuazione amministrativa delle norme e al suo monitoraggio è dedicato un ufficio apposito della Presidenza del Consiglio dei Ministri che fa capo al Ministro Boschi. L’ufficio per il programma di Governo svolge appunto un compito essenziale che è quello di aggiornare sullo stato di attuazione per tenere il conto dei provvedimenti attuativi prodotti e da produrre per ciascun provvedimento normativo approvato dai passati governi e da quello attuale.

Quando giusto un anno fa la Presidenza del Consiglio dei Ministri, su iniziativa dell’allora Segretario Generale Mauro Bonaretti, chiese al Tavolo Civico (un insieme di soggetti variamente interessati al tema della trasparenza) di avanzare proposte per migliorare la trasparenza di Palazzo Chigi, Openpolis ha proposto la pubblicazione dei dati del monitoraggio dell’attuazione delle norme: i dati grezzi (di dettaglio) e in formati aperti (open data), per essere elaborati da computer e quindi riusati.

Passare dai report periodici attuali in formato inservibile (pdf immagine) e con dati aggregati, ad un monitoraggio trasparente e aperto, abbiamo pensato potesse essere scelta coerente da parte di un Governo che intenda rendere conto “passo dopo passo”, e quindi per mettere a disposizione i dati effettivi prima, o almeno insieme, alle slide.

Purtroppo – malgrado vari incontri con dirigenti e funzionari – ad oggi nel nuovo sito dell’Ufficio gli unici dati pubblicati riguardano solo tre provvedimenti per i quali è stato avviato un monitoraggio avanzato.

Eppure non costerebbe neanche un centesimo o un’ora di lavoro in più, semplicemente perché i dati che chiediamo vengono già prodotti con il dettaglio e nei formati che occorrerebbero, anzi il lavoro aggiuntivo l’ufficio lo deve fare proprio per “chiudere” i dati e produrre i report periodici in Pdf (dove, peraltro, non c’è dettaglio sull’attuazione dei provvedimenti del Governo Renzi mentre ce ne sono di più per i Governi precedenti).

 

Formighini

  • Giovedì, 21 Maggio 2015 08:30 ,
  • Pubblicato in LA STAMPA

La Stampa
21 05 2015

La disavventura aeroportuale di colui che fu Formigoni sta deliziando senza tregua i sadici frequentatori della Rete.

Nel video, ripreso a Fiumicino da un solerte passeggero, il senatore di Aviazione e Liberazione attinge alla sua esperienza di attaccabrighe televisivo per esprimere al funzionario Alitalia tutto il suo disappunto per il fatto che l’ultimo aereo per Milano abbia avuto l’ardire di non aspettarlo.

Il commovente episodio rivela l’antichità del protagonista. Formigoni non si rende conto che, nell’era dei telefonini, nulla di pubblico può restare impunito, e infatti i giovani scafati alla Renzi parlano ormai tutti con la mano sulla bocca come i calciatori.

Non si rende nemmeno conto di essersi sempre spacciato per cattolico presso i suoi incomprensibili elettori e inanella insulti da fare impallidire un cine-panettone. Poi non si rende conto che, nonostante da qualche tempo abbia attenuato le smargiassate in tv e le tonalità delle camicie, rimane uno dei simboli più detestati della Casta, per cui termina lo sproloquio con una sfumatura di arroganza: del genere «lei non sa chi ero io».

Ecco, soprattutto non si rende conto che ormai non è più nessuno. Lo dimostra la reazione dell’Alitalia (da lui definita, con linguaggio da Crociato, compagnia «italo-araba») che con malcelato fastidio ha emesso un breve comunicato per sbugiardare Formighini come fosse un insetto molesto ma in fondo innocuo.

Se fosse stato ancora Formigoni, gli avrebbero regalato un aereo o almeno una divisa da steward.


Presidi, prof e precari. Cosa cambia

buona scuolaLa Buona Scuola va avanti. Dopo l'ok alla Camera sarà la volta del Senato. E non è escluso che arrivino nuove modifiche al disegno di legge licenziato il 12 marzo scorso dal Consiglio dei Ministri. Perché quello che è stato approvato ieri è un testo un pò diverso da quello arrivato in commissione Istruzione e Cultura della Camera. L'impianto, lo sottolinea la ministra dell'Istruzione Giannini, "non cambia, né cambierà al Senato", però delle modifiche sono state comunque approvate. 
Claudia Voltattorni, Corriere della Sera ...

Un paese devastato

Il recente Rapporto annuale dell'Istat 2015 sulla situazione del Paese, come nella tradizione di questo istituto, ci mette a disposizione un grandioso affresco analitico-quantitativo sulle condizioni dell'Italia, sempre più ricco di conoscenze e ricognizioni particolari. Qui popolazione, economie, forme del lavoro, territori, sistemi locali, consumi, associazionismo, salute, consumi del suolo, beni culturali, servizi, trovano la loro sistemazione numerica facendoci entrare nel cuore del paese reale. 
Piero Bevilacqua, Il Manifesto ...

"La pedagogia del Capo mina la democrazia"

"Fino ad oggi ci siamo concentrati sul modello di organizzazione istituzionale emerso dal combinarsi dell'Italicum e della riforma del Senato - afferma Stefano Rodotà - La riforma della scuola approvata ieri alla Camera mostra un elemento radicale: l'idea che Renzi ha della società. [...] La scuola è la parte più importante del Welfare tradizionale. In un momento in cui aumentano disoccupazione e povertà si dovrebbe investire sul suo ruolo di inclusione per impedire il riprodursi delle disuguaglianze".
Roberto Ciccarelli, Il Manifesto ...

facebook