Sugli arresti di Nunzio D'Erme e Marco Bucci

  • Mercoledì, 24 Settembre 2014 17:20 ,
  • Pubblicato in Il Comunicato
Tutti liberiRete Spazi Autogestiti e Occupati
24 settembre 2014

Questa mattina due attivisti romani, Nunzio D'Erme e Marco Bucci, sono stati sottoposti ad arresto cautelare. Entrambi da anni svolgono attività sociale nella città di Roma, aprendo spazi di democrazia, difendendo i diritti "di chi non ha diritti",

Arrestato Nunzio D'Erme

  • Mercoledì, 24 Settembre 2014 09:37 ,
  • Pubblicato in Flash news
Contropiano
24 09 2014

E' giunta in redazione pochi minuti fa la notizia che questa mattina è stato arrestato a Roma il compagno Nunzio D'Erme, una delle figure più conosciute e stimate della sinistra antagonista del nostro paese, ex consigliere comunale al Campidoglio e protagonista dei movimenti sociali nella capitale. Assieme a lui è stato condotto in carcere anche Marco, un attivista del Centro Sociale Spartaco.

Dalle prime notizie risulta che Nunzio D'Erme è stato portato in carcere con l'accusa di aver partecipato, alcuni anni fa, ad alcuni scontri con i fascisti nel quartiere di Cinecittà.
Non è ancora chiaro tutto il contesto di questa operazione giudiziaria ma sicuramente è indicativa del clima persecutorio e repressivo che si sta respirando a pieni polmoni nella Capitale contro gli attivisti più noti, magari prendendo a pretesto episodi lontani e minori tenuti nel cassetto a lungo prima di essere utilizzati da una magistratura che acquisisce sempre più protagonismo nella gestione delle questioni sociali.

Alle 12 è previsto un presidio di solidarietà e una conferenza stampa presso la sede dell'ex X Municipio della capitale - attualmente VII - in Piazza di Cinecittà 11.
Esprimiamo nel frattempo la piena solidarietà della redazione di Contropiano a Nunzio.

Il lago che combatte

  • Lunedì, 28 Luglio 2014 16:12 ,
  • Pubblicato in Video Bottom

Il lago che combatte

  • Lunedì, 28 Luglio 2014 13:02 ,
  • Pubblicato in Video
Lago per tutt*
Cemento per nessuno
Bruna ricorda come il padrone "ci facesse lavorare fino alle dieci di sera senza pause. Faceva in modo di avere un magazzino bello pieno e poi, dopo due o tre mesi, ci licenziava". ...

facebook