×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

La 27 Ora
16 05 2014

In occasione del convegno “Dalla pelle al cuore. Disabilità, Affettività, Sessualità” che si svolge a Roma il 16 maggio, Anna Fiorelli, presidente della Consulta H del Municipio XII di Roma Capitale, intervista Anna Gioria, autrice del libro autobiografico Una storia che non sta in piedi.

Ho accettato di rilasciare questa intervista perché ritengo che la sessualità delle persone considerate diversamente abili sia una tematica molto importante.

Dato che non sussiste una vera differenza tra le persone considerate disabili e quelle ritenute “normali” e poiché sono essenzialmente PERSONE, hanno tutte gli stessi diritti e gli stessi doveri.

In base a ciò, tutti devono poter vivere a pieno ogni aspetto della loro vita, tra i quali anche la sessualità. In Italia, quest’ultima è vissuta come un tabù: quasi come se i diversamente abili fossero dei soggetti completamente asessuati. Inoltre, ho voluto dare il mio contributo a questo simposio, perché in questi giorni il tema della sessualità dei disabili è molto dibattuto: poche settimane fa è stato presentato un disegno di legge sull’introduzione dell’assistente sessuale dei disabili, persona qualificata professionalmente che dovrebbe seguire il disabile nel suo percorso di scoperta e gestione della propria sessualità. Tale figura in altri paesi europei, in particolare quelli del nord, è già molto diffusa. Per quanto riguarda il nostro paese sarà un percorso lungo, in quanto già adesso in fase embrionale, il tema è molto discusso per i costi e per la formazione.

Anna Gioria

Chi ha paura di un libro

  • Venerdì, 02 Maggio 2014 07:16 ,
  • Pubblicato in Il Commento
Massimo Recalcati, La Repubblica
30 aprile 2014

Quelli della mia generazione si ricorderano forse improbabili corsi di educazione della sessualità ti tipo botanico. Uno strano "esperto della materia" mostrava dei semi sulla cattedra. ...

Freud rinasce a Teheran

  • Martedì, 15 Aprile 2014 08:04 ,
  • Pubblicato in Il Libro
Silvia Ronchey, La Stampa
15 aprile 2014

Nei casi clinici raccontati dal suo libro, uscito in Italia con una penetrante postfazione di Lorena Preta (Una psicoanalista a Teheran, Cortina, pp. 147), convivono tradizionalismo orientale e sfrenata disinibizione occidentale ...
Nei casi clinici raccontati dal suo libro, uscito in Italia con una penetrante postfazione di Lorena Preta (Una psicoanalista a Teheran, Cortina, pp. 147, C 13,50), convivono tradizionalismo orientale e sfrenata disinibizione occidentale ...

L'altra metà del sesso (Natalia Aspesi, La Repubblica)

Ogni volta che un uomo si occupa di sessualità femminile, a partire dal mitico Freud, si resta di sale: ma come, se lo raccontano ancora, ce lo raccontano ancora, che le donne non sono come da secoli se lo dicono e ce lo dicono? La loro signora non gli ha mai dato una sveglia? ...

facebook