×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 407

Grecia, quei ministri che non piacciono alla Troika

  • Mercoledì, 08 Aprile 2015 09:25 ,
  • Pubblicato in Flash news

Popoff Quotidiano
08 04 2015

Grandi pressioni della Troika per cacciare due ministri dal govermo Tsipras. Ma becchini e strozzini dovranno aspettare un bel po’

da Atene, Elena Sirianni

Strozzini e becchini dovranno aspettare, la Grecia non farà bancarotta il 9 di aprile come annunciato dall’agenzia Reuters e dai giornali Ekhatimerini, Telegraph e CNBC. Yannis Varoufakis, al termine dell’incontro avuto a Washington con il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, assicura che la Grecia rispetterà la scadenza del rimborso di 458 milioni di euro al Fondo Monetario Internazionale il prossimo 9 aprile. Intanto da Bruxelles trapela che le autorità europee starebbero esercitando pressioni su Tsipras perchè scarichi l’ala radicale del suo partito e gli alleati di ANEL. In particolare viene chiesto l’allontanamento dal governo di Panayotis Lafazanis, ministro per la Riconversione Produttiva, per l’Ambiente e l’Energia e rappresentante di spicco della Piattaforma di Sinistra, una delle componenti più numerose di Syriza, con oltre il 30% di membri nel Comitato Centrale. Lafazanis dà fastidio a molti, in Europa e in patria. Si è impegnato a bloccare gli aumenti sulla bolletta elettrica decisi col consenso del precedente governo.

E’ fermamente contrario alla privatizzazione di beni e servizi pubblici, in particolare si oppone al passaggio in mani straniere di settori strategici come energia, acqua, telecomunicazioni ecc.. Non appena nominato ministro si è impegnato per la riapertura dell’Industria Greca dello Zucchero chiusa per debiti e cattiva gestione. Ma soprattutto sta pestando i calli al potente gruppo economico Bobolas – Aktor a cui non è piaciuta la sua decisione di sospendere due licenze correlate allo sfuttamento minerario di Skouriès, col risultato di fermare temporaneamente la corsa all’oro e la devastazione ambientale di uno dei paradisi naturali più belli dei Balcani. Ieri a Skouriès, la Val di Susa greca, ci sono stati incidenti gravi. Una manifestazione di protesta degli abitanti della zona è stata interrotta violentemente dalla contromanifestazione degli impiegati dell’Eldorado Gold, con lancio di pietre e travi e dal successivo intervento della polizia che ha dato man forte agli operai della società mineraria lanciando sostanze chimiche e lacrimogeni addosso ai manifestanti.

L’altro personaggio “indigesto” alle autorità europee è il ministro della Difesa Panos Kammenos, leader dei Greci Indipendenti. Il 9 marzo scorso fece scalpore la sua dichiarazione “Se l’Europa colpirà la Grecia siamo pronti a strappare il trattato di Dublino e a spedire a Berlino tutti gli immigrati che abbiamo in Grecia”. Ma Kammenos dà fastidio in Europa anche per un altro motivo, la sua volontà di fare luce sulle faraoniche spese militari greche dello scorso decennio pari al 50% del PIL, sulle pressioni che i governi dell’epoca ricevettero da alleati (e fornitori) tedeschi, francesi e americani, sulle forniture di partite difettose di armi da parte della Germania, sul vertiginoso giro di tangenti a politici e funzionari greci da parte di società tedesche, Siemens in prima linea. E’ inevitabile quindi la contrarietà e la ‘frustrazione’ delle autorità europee nei confronti di Atene. Secondo il Financial Times “molti rappresentati dell’Ue, inclusi alcuni ministri delle finanze, avrebbero suggerito in conversazioni private, che solo una decisione del premier Alexis Tsipras di ‘scaricare’ l’ala dell’ultra sinistra del suo partito Syriza potrebbe rendere un accordo sul salvataggio possibile”.

Al posto di Lafazanis e Kammenos gli Europei vorrebbero esponenti di partiti più moderati ed “europeisti”, si parla dell’ex ministro degli Esteri Venizelos del Pasok e di Stavros Theodorakis, leader del Potami, partito creato a tavolino alla vigilia delle elezioni nel tentativo di arginare il flusso di preferenze dirette verso Syriza, quando i sondaggi indicavano ormai come inevitabile la disfatta dei partiti di governo. Sette miliardi verrebbero sganciati dai “salvatori” della Grecia in cambio del sacrificio di Lafazanis e Kammenos e della prosecuzione del memorandum già concordato dal governo Samaras, tagli alle pensioni integrative, aumento dell’IVA, accelerazione delle privatizzazioni, ulteriori riduzioni delle tutele del lavoro.

L’Unione Europea, o meglio la ristretta l’oligarchia che la controlla, sta calando definitivamente la maschera. Non fa nemmeno più finta di rispettare la sovranità nazionale degli stati membri e la volontà popolare, non usa nemmeno più l’ossimoro del rigore attento alla crescita, vuole solo e al più presto dimostrare chi comanda e chi decide governi e politiche in Europa. Il tentativo è di mettere rapidamente fine al governo di Syriza impedendogli di finanziarsi, oppure di lasciarlo governare in cambio di una sua radicale “mutazione genetica” ottenuta con un rimpasto gradito a Bruxelles e con l’impegno di dare seguito al memorandum.

In entrambi i casi sottovalutano un fattore importante, la popolarità e il consenso di cui gode il governo nell’opinione pubblica. Secondo il sondaggio dell’istituto demoscopico Public Issue pubblicato ieri da Avghì il 63% degli intervistati approva il modo in cui il governo di Tsipras tratta con i creditori del paese, il 5% di più dal 58% che lo approvava un mese fa. Il 55% crede che il governo di Syriza e dei Greci Indipendenti è il miglior possibile per il paese. Il 62% crede che Alexis Tsipras è il più adatto per essere il primo ministro, con ben 42 punti di percentuale in più di Samaras che non va oltre il 20%. La popolarità di Alexis Tsipras arriva al 78% seguito dal leader dei Greci Indipendenti Panos Kamenos col 46%. E malgrado le pressioni sulla Grecia da parte delle autorità europee e l’asfissia creditizia imposta dalla BCE, sale all’82% la percentuale dei Greci che dichiarano di provare orgoglio nazionale per la ferma posizione tenuta nelle trattative! Gli stessi intervistati, pur approvando la conduzione del negoziato e malgrado l’orgoglio che sentono, dichiarano pessimismo sui risultati che si potranno conseguire (il 39% dice che vincono i creditori, solo il 14% crede che vincerà la Grecia). Questo dato apparentemente contraddittorio suggerisce che l’opinione pubblica greca mette in conto anche una sconfitta nel braccio di ferro con le autorità europee ma apprezza la fermezza del governo nelle trattative ed è pronto a sostenerlo.

 

 

atene3Il Manifesto
20 febbraio 2015

La richie­sta dell’Unione euro­pea alla Gre­cia di pro­se­guire con le cata­stro­fi­che poli­ti­che di auste­rity degli ultimi cin­que anni, è uno schiaffo alla demo­cra­zia e ai sani cri­teri economici. 

Il Fatto Quotidiano
26 01 2015

Reazioni preoccupate dal Paese che è da sempre il primo sostenitore delle politiche di austerity rifiutate dal leader di Syriza. Il Financial Times parla invece di "sfida per l’euro establishment", che sarà chiamato a discutere con il nuovo governo un riscadenzamento del debito. Nel pomeriggio riunione dell'Eurogruppo preceduta da colazione di lavoro tra Draghi, Juncker, Tusk e Dijsselbloem

In tedesco, “speranza” che è stata al centro degli slogan precedenti e successivi il trionfo elettorale di Syriza si traduce in “terrore“. “Euro-terrore”, per la precisione, come titola la sua versione online il tabloid tedesco Bild. Sotto il titolo, una foto del probabile futuro premier Alexis Tsipras con il pugno alzato. Mentre la Frankfurter Allgemeine Zeitung titola un’intervista al sociologo greco Michael Kelpanides “Tsipras significa ritorno alla corruzione“. Reazioni che danno la misura del timore con cui i Paesi “forti” dell’Eurozona osservano il trionfo elettorale del leader anti-austerity e anti-troika che ha messo al centro del proprio programma la rinegoziazione con i creditori internazionali Bce, Ue e Fmi del 60-70% del debito (“come quella concessa alla Germania nel 1952″), l’aumento di stipendi e pensioni, la ricostruzione del welfare e una riduzione delle tasse.

Non per niente, prima ancora dell’uscita dei risultati ufficiali, è arrivato anche il duro commento del presidente della Bundesbank Jens Weidmann, noto per essere un “falco” del rigore di bilancio e già messo a dura prova, la settimana scorsa, dalla decisione del presidente della Bce Mario Draghi di dare il via a un maxi programma di acquisto di titoli di Stato a cui la Germania si opponeva. “Credo che sia anche nell’interesse del governo greco fare il necessario per affrontare i suoi problemi strutturali”, ha detto Weidmann in un’intervista alla tv pubblica tedesca Ard. E “spero che il nuovo governo non metterà in dubbio ciò che ci si attende (dalla Grecia ndr) e quello che è già stato raggiunto” e “non farà promesse che la Grecia non può permettersi”. Come dire: il Paese ha ancora bisogno di aiuti e li otterrà solo se rispetterà gli accordi. Ma Tsipras, come è noto, ha messo in chiaro di non avere alcuna intenzione di rispettare gli accordi presi dai suoi predecessori.

Meno tranchant della stampa tedesca il Financial Times, secondo il quale “la vittoria della sinistra radicale in Grecia rappresenta una sfida per l’euro establishment”. Il che è poco ma sicuro. Dopo che Tsipras avrà formato il nuovo governo, probabilmente con il sostegno della piccola formazione dei Greci Indipendenti, partirà infatti il negoziato per ottenere dalla troika – che il leader di Syriza non riconosce peraltro come interlocutore, chiedendo invece di parlare direttamente con i rappresentanti di Ue e Fmi – almeno un’estensione del termine entro cui il Paese dovrà ripagare le rate in scadenza dell’enorme debito, che ha toccato quota 330 miliardi di euro.

Lunedì, proprio per discutere della Grecia post elezioni e della linea da tenere con il nuovo governo, è prevista una riunione dell’Eurogruppo. Che sarà preceduta da una colazione di lavoro tra il presidente della Bce Draghi, della Commissione Ue Jean Claude Juncker, del Consiglio Donald Tusk e dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem.

facebook