Libere di vivere (Michela Marzano, La Repubblica)


La convenzione di Istanbul pone per la prima volta la questione delle violenze di genere come un problema strutturale: non si tratta solo di punire i colpevoli e proteggere le vittime, ma anche di prevenire ogni forma di discriminazione, affinché l'uguaglianza tra gli uomini e le donne diventi reale. L'unica vera uguaglianza che non è l'identità e consiste nell'uguale rispetto di ogni persona. ...

Le architetture mobili dell'identità

  • Domenica, 26 Maggio 2013 07:37 ,
  • Pubblicato in IL MANIFESTO
Alessandra Pigliaru, Il Manifesto
25 maggio 2013

Ci sono dei libri che restituiscono la temperie culturale e politica del proprio tempo, che entrano nella scena a tenere le fila di un dibattito da riordinare e poi altri che si impongono a fare la differenza e quel tempo lo scrivono perché sanno scandirlo. In questa ultima categoria rientrano certamente i libri di Judith Butler, filosofa e femminista statunitense tra le più note e influenti del panorama internazionale.

Women liber@ dalla violenza

  • Giovedì, 16 Maggio 2013 06:40 ,
  • Pubblicato in L'Incontro
La violenza sulle donne: da quella fisica e psicologica al femminicidio

Giovedì 16 maggio, dalle ore 15.00 alle ore 18.00
Spazio Europa – Via IV Novembre, 149 (piano terra) – Roma
Programma
Martedì 14 maggio
dalle 21.00
Amore e violenza. Il fattore molesto della civiltà, incontro con Lea Melandri ...

...Se questo è amore...

  • Lunedì, 13 Maggio 2013 18:25 ,
  • Pubblicato in Video


Trilogia di spot contro la violenza sulle donne.
Scritto e prodotto da Simona Verrusio.
Regia Marcello Caroselli ed Emanuele Venturi.

facebook

Zeroviolenza è un progetto di informazione indipendente che legge le dinamiche sociali ed economiche attraverso la relazione tra uomini e donne e tra generazioni differenti.

leggi di più

 Creative Commons // Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Gli articoli contenuti in questo sito, qualora non diversamente specificato, sono sotto la licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia (CC BY-NC-ND 3.0)