Paolo Aleotti

Paolo Aleotti-Inizia a lavorare in Rai nel 1968, con servizi, inchieste e reportage per la trasmissione radiofonica Per Voi Giovani
-Dal 1976 Giornalista professionista nel Giornale Radio 3, come inviato speciale in Europa, Usa e America latina.
-Dal 1978 Vaticanista. Segue Giovanni Paolo II in Polonia, Turchia, Germania federale, Nigeria, Benin, Gabon, Guinea equatoriale.
-Dal 1980 critico cinematografico.
-Per 10 anni, 1990-2000, Corrispondente dagli Stati Uniti per il Giornale radio ed i TG della Rai (Tg1,Tg2, Tg3). Realizza documentari e reportage.
-Dal 2001 Capo degli Spettacoli e Speciali di Radio 1 e del Giornale Radio Rai 1,2,3.  
-Dal 2003 per Rai3, realizza Inchieste e Documentari, tra cui una serie di reportage per la trasmissione Ballarò: dagli Stati Uniti; dai paesi che circondano l’Iraq, (Giordania, Siria, Israele, Turchia, Iran); dalla Francia delle Banlieu; da Cracovia in Polonia in occasione della morte di papa Giovanni Paolo II.

Tra i documentari realizzati per Rai3:
“If” per i 50 anni dalla nascita della Tv italiana:
 “L’Avventura di Antonioni”, per i 90 anni del maestro del cinema;
“La bella addormentata tra i ghiacci” reportage dalla Transiberiana;  
“Fellini a New York”, prodotto dall’Istituto Luce, per i 10 anni della morte di Federico Fellini;
“Tutti i colori di una vita”, ritratto di Tiziano Terzani a due anni dalla morte.
“Alla ricerca di Mario Soldati”, in due puntate. Riproposizione del famoso “Viaggio nella Valle del Po’”, che lo scrittore italiano intraprese per la tv italiana nel 1957.
“Quelli che…Beppe Viola”. Ricordo del giornalista amico di Enzo Jannacci a 30 anni dalla sua morte.

-2007 autore e inviato per la trasmissione RT, a fianco di Enzo Biagi.
-2007-2013 Curatore di Che Tempo Che Fa, su Rai 3, condotta da Fabio Fazio.

-Dal 2002 Professore di giornalismo radiotelevisivo per il Master di Giornalismo presso la Fondazione Basso, a Roma.
- Nel 2000 pubblica per gli Editore Riuniti il libro “La Hollywood dell’era Pulp”.

Altro in questa categoria: Carlo Flamigni »
Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook