×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 415

Indossa un elegante shalwar kameez viola e fucsia ("me lo ha comprato la mamma"). Ai piedi, i tacchi (della mamma) con cui non supera il metro e 57, proprio come due anni fa. "Ma non bisogna essere alti - dice - per cambiare il mondo".
Viviana Mazza, Corriere della Sera ...
"Dio sa che è una sentenza ingiusta e che il mio unico delitto, in questo Paese, è essere cattolica". Asia Bibi lo scriveva nel 2012, da una "cella senza finestre".  
Maura Bertanzon, Corriere della Sera ...

Pakistan, Save the children espulsa per spionaggio

  • Venerdì, 12 Giugno 2015 11:49 ,
  • Pubblicato in Flash news

Globalist
12 06 2015

Con l'accusa di spionaggio il governo del Pakistan ha deciso di espellere Save the Children dal territorio nazionale. La polizia ha messo i sigili alla sede dell'organizzazione nella capitale Islamabad e chiuso l'ingresso. Il personale di Save the Children ha ora 15 giorni per lasciare il paese.

"Ci opponiamo con fermezza a questo provvedimento e le nostre preoccupazioni aumentano ai massimi livelli", ha commentato l'ong che dal 1919 lotta per migliorare la vita dei bambini. "Tutto il nostro lavoro - è aggiunto nella nota - è stato progettato in stretta collaborazione con i ministeri del governo in tutto il paese e mira a rafforzare i sistemi di erogazione dei servizi pubblici nei campi della salute, della nutrizione, dell'istruzione e del benessere dei bambini".

L'organizzione, che opera in Pakistan da 35 anni, ha iniziato ad avere problemi con le autorità locali nel 2011. Per l'intellligence di Islamabad Save the Children ha avuto collegamenti con il medico pakistano Shakil Afridi, reclutato dalla Cia nell'operazione che ha portato all'uccisione del leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden. Già allora era stata decretata l'espulsione del personale dell'ong dal paese, ma poco dopo il ministero dell'Interno pakistano aveva optato per una ''sospensione temporanea'' del decreto.

Corriere della Sera
18 12 2014

Nel piccolo villaggio circondato da campi di frumento di Arbab Landi, a 15 minuti d'auto da Peshawar, centocinquanta familiari e amici hanno pianto ieri Tahira Qazi, la preside della scuola di Peshawar, morta insieme ai suoi studenti.

"Avrebbe potuto fuggire, ma ha tentato di salvarli". ...
Paesaggio con farfalle, Salvador DalìLa vita non sarà mai più la stessa. Per i feriti e per le famiglie dei bambini e degli adulti morti. Per ognuno di noi. A volte mi chiedo se la profezia del profeta Geremia [...] si riferisse soltanto a Erode e al suo ordine di uccidere tutti i bambini di Betlemme e dintorni. L'aria si riempie così spesso di singhiozzi e lutto quando vengono strappate vite innocenti, e tutto in nome della fede. Tristemente, gli artefici di questa raccapricciante guerra contro la vita sono in gran parte seguaci dell'Islam, e inducono il resto del mondo a interrogarsi su una religione che sembra propagare il terrorismo.
Anita Nair, la Repubblica ...

facebook