Desaparecidos#43 e Megalopolis a Roma

9 ottobre, ore 21.30
Garage Zero

Via Treviri, parcheggio L.go Spartaco - Roma

Dopo il tour in India con il pluripremiato spettacolo Made in Ilva, e la prima italiana a Calenzano dello spettacolo Desaparecidos#43 la compagnia Instabili Vaganti rilancia il proprio attivismo attraverso un teatro militante fondato sulla denuncia, sull’impegno e sulla memoria.

Il 9 ottobre alle ore 21.30 presso i locali Garage Zero, ad un anno esatto dalla tragedia dei 43 ragazzi messicani massacrati e uccisi per la sommatoria di interessi politici e criminali, la compagnia bolognese nell’ambito del festival Attraversamenti multipli, riprenderà i fatti di Ayotzinapa riproponendoli in chiave di teatro sperimentale.

Oltre al valore evocativo di una tragedia si aggiunge lo spessore di una cronaca che coinvolge tutti. Lo spettacolo, replica di una prima fortunata esibizione nata all'interno del progetto Megalopolis, si propone come un allestimento aggiornato di denuncia, nel quale la compagnia offre un teatro sociale quale veicolo di informazione, offrendo una visione artistica dei fatti dal linguaggio fisico, performativo ed emozionale.

L'8 ottobre invece, la compagnia sarà impegnata nell'allestimento della performance urbana Megalopolis#Roma, frutto di un workshop gestito dagli Instabili vaganti in collaborazione con il Lalish Theatre Labor e 43 artisti. La performance invaderà Largo Spartaco e sarà vicina agli atti di protesta, alle azioni dal basso che hanno infiammato e continuano a infiammare le piazze del mondo. Un'azione globale, una re-azione artistica e performativa che mira a mettere in luce una tragica realtà, quella delle sparizioni forzate che ancora oggi affliggono il Messico. L’auspicio è che la partecipazione dei romani non venga meno. ricordare e rivivere attraverso il teatro tragedie come quella di Ayotzinapa è indispensabile per rinnovare un patto con la storia, affinché quei fatti, frutto della commistione di pezzi dello Stato con la criminalità organizzata messicana, non abbiano più a ripetersi in alcuna altra parte del mondo.





Devi effettuare il login per inviare commenti

facebook